Attualità Scicli 06/05/2016 15:24 Notizia letta: 1345 volte

Piattaforma Vega, M5S diffida tre ministeri

La deputata Claudia Mannino: “Ministero schizofrenico, da una lato riconosce i danni, dall'altro concede la proroga”
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-05-2016/1462541111-0-piattaforma-vega-m5s-diffida-tre-ministeri.jpg&size=757x500c0

Scicli - “Sospendere immediatamente in autotutela l'autorizzazione rilasciata alla piattaforma Vega nel canale di Sicilia, almeno fino alla sentenza di primo grado del processo in corso al tribunale di Ragusa a carico degli amministratori della piattaforma e di Edison”.
E' questo il nucleo centrale della diffida presentata dai deputati M5S della commissione Ambiente della Camera (prima firmataria Claudia Mannino) ai ministeri dell'Ambiente, dello Sviluppo Economico e dei Beni culturali.
“E' assurdo – commenta Claudia Mannino - che nel corso di una recentissima nostra interpellanza il ministro dell’Ambiente sia venuto a giustificare in Aula il raddoppio della piattaforma, nonostante i danni ambientali ingentissimi, da 69 milioni di euro, tanto che lo stesso ministero si è costituito parte civile nel procedimento in corso. Un comportamento che definire schizofrenico è certamente riduttivo”.
La concessione della Vega risale al 1984 e a novembre del 2015 la discussa ex ministro Guidi l’ha addirittura prorogata per altri 10 anni, riconoscendone la “compatibilità ambientale”.
“Alla luce del dettagliato rapporto Ispra, che ne ha certificato i danni – continua la Mannino - ci aspettavamo dal ministero di Galletti un gesto di autotutela, con la sospensione della concessione. Cosa che non è avvenuta. Evidentemente Edison e Confindustria vengono prima della tutela ambientale e della salute dei cittadini».

Redazione