Lettere in redazione Scicli 12/05/2016 23:29 Notizia letta: 2462 volte

Run4Unity Scicli

Riceviamo e pubblichiamo
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-05-2016/run4unity-scicli-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-05-2016/1463088832-1-run4unity-scicli.jpg&size=750x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-05-2016/run4unity-scicli-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/12-05-2016/1463088832-1-run4unity-scicli.jpg

Scicli - Siamo i Ragazzi per l’Unità di Scicli, espressione giovanile del Movimento dei Focolari, e oggi più che mai ci sentiamo cittadini del mondo! Siamo presenti in 182 nazioni nei 5 continenti e siamo circa 150.000! Il nostro obiettivo? Costruire il mondo Unito! Siamo orgogliosi di aver fortemente voluto una tappa di Run4Unity proprio nella nostra città! Una tappa della straordinaria staffetta mondiale che rimbalzando di fuso orario in fuso orario ha detto a tutti la nostra sete di pace e unità! Da Roma a Vienna, dal Messico al Brasile, dal Pakistan alla Giordania, dalla Francia all’Ungheria e da Bernal, una città a 20 Km da Buenos Aires, a Scicli! Si infatti abbiamo potuto condividere esperienze e sogni comuni con i nostri coetanei tramite un collegamento Skype nel pomeriggio dell’8 Maggio scorso. Ma torniamoun po’ indietro…. Da quando, forti di esperienze simili, un gruppetto di noi, incoraggiati da alcuni meno giovani, abbiamo intrapreso l’avventura di Run4Unity. L’abbiamo pensata nei particolari, condivisa con altri ragazzi di città vicine, coinvolto società sportive e singoli amici con tanta voglia di donarsi, coinvolto i nostri coetanei girando anche nelle classi, invitando i ragazzi della “Casa delle Culture”, e infine chiedendo un appuntamento ai Commissari della nostra città, i quali ci hanno ricevuto e hanno gioito con noi per l’iniziativa! Il protagonista lo sport, il denominatore comune la Pace. Così ci siamo ritrovati in più di 300 tra ragazzi dai 12 anni in su, giovani e adulti che ci hanno fatto da cornice! Nel programma una marcia per la Pace da Piazza Municipio al cortile del Liceo Scientifico “Cataudella” e poi un pomeriggio di sport e arte. Attraverso dei giochi prima e i tornei dopo si sono condivisi autentici valori come: il rispetto reciproco, l’attenzione verso l’altro, l’onestà, la capacità di ascolto e di scusarsi per un’azione scorretta. Ma anche la condivisione della ‘Regola d’Oro’ che si trova in tutte le grandi religioni: ’Fa agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te’, e un momento di preghiera Comune in silenzio: il Time-Out, che tutti i giorni alle 12 ci ricordiamo di fare per chiedere a Dio il dono della Pace! Poi la preghiera cristiana per eccellenza: la Santa Messa celebrata nell’auditorium, e in contemporanea in una sala vicino la preghiera dei nostri amici musulmani presenti! Inoltre ci siamo impegnati a tradurre alcune parti salienti in Arabo, Francese e Inglese, affinchè nessuno si sentisse ‘straniero’! Abbiamo potuto gridare che siamo per la Pace e con noi sono in tanti … Non è vero che non c’è più spazio, che non c’è più speranza, che tutto è perduto. Il male è una minoranza solo che fa più rumore. Allora noi vogliamo gridare più forte, e più siamo e più lontano il nostro grido arriverà! La presenza tra noi dei ragazzi della Casa delle Culture e di un altro centro di accoglienza della provincia testimoniava che siamo in cammino verso un’unica meta. I volti di ognuno di questi ragazzi ci riporta alla mente le drammatiche immagini viste e riviste nei telegiornali, spalancando visioni per non solo appena intuiti, vederli lì con noi, nella gioia e nella spensieratezza del momento, e con la nostra stessa speranza per il futuro, ci da la spinta per essere i primi promotori di un mondo unito. Abbiamo visto pian piano la loro diffidenza e timidezza, trasformarsi sempre più in sorrisi, sguardi d’intesa, pacche d’incoraggiamento, strette di mano fino a sentirsi ( così ci hanno detto i volontari che li hanno accompagnati) parte di una comunità! Comunità che sa e deve accogliere tutta la ricchezza dell’altro! E anche per noi ragazzi è stato importante, noi che viviamo in un mondo globalizzato e sempre più collegato, ci sentiamo spesso soli e l’unico antidoto a questa 'patologia' è il coraggio di andare verso il fratello! ‘Uscire’ dal proprio IO, dalla propria stanza, dalla propria casa, città, nazione per incontrare nuove realtà mai immaginate, luoghi sconosciuti e scoprire che insieme agli altri tutto è più bello, ritrovi forza, coraggio e tanta voglia di Vivere!!!!

I Ragazzi per l'Unità di Scicli

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg