Economia Modica 25/05/2016 23:11 Notizia letta: 4911 volte

Il boccone dolceamaro della Banche di credito cooperativo

Svendite
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-05-2016/1464210782-0-il-boccone-dolceamaro-della-banche-di-credito-cooperativo.jpg&size=889x500c0

Modica - Azzerare il valore della banca in maniera tale da rendere inevitabile la cessione, a zero o quasi, con perdita di diritti e del capitale per i soci.

Nel mondo del credito siciliano il clichè sembra lo stesso e a farne le spese sono i risparmiatori. Quelli della BBC Aretusea, per primi, si sono rivolti alla Magistratura dando vita ad un ciclone giudiziario tutto in divenire. 
Strane operazioni si sono addensate sulla testa delle banche del credito cooperativo siciliano negli ultimi anni. Per la Banca d’Italia che detiene la Vigilanza, la funzione di arbitro la dovrebbe svolgere proprio la Federazione Siciliana delle BCC. Ma qui casca l’asino.
L’indagine giudiziaria che si è abbattuta nei giorni scorsi nel mondo del credito cooperativo da parte della Procura siracusana, adesso rischia di allargarsi a macchia di leopardo nel resto dell’isola. Coinvolti i massimi esponenti delle banche (BCC Pachino e BB Aretuseo) , nonchè il Direttore Generale della Federezione Siciliana delle BBC, il plenipotenziario Nicola Culicchia. Emergono ambiziosi obiettivi.
Quali? Tentiamo di ricostruirli. Decurtare il patrimonio netto finale al fine di determinare un prezzo di cessione, circa il 10/15%. Quanto successo proprio ai 900 soci della BCC di Siracusa a favore della BCC di Regalbuto. Briciole per i poveri risparmiatori. Quest’ultima, Regalbuto, appena due anni addietro aveva tentato la stessa operazione con la BCC della Contea di Modica. Operazione stoppata dai soci in una “storica” assemblea. Ma di questo ne parleremo nel corso della seconda puntata.
Perchè questa esigenza di accorpare? I giochi di fusione nascono dall'esigenza di allineare le Bcc alle più grandi sia per la patrimonializzazione che per coprire le sofferenze. Ecco perché via Nazionale, oltre a chiedere maggiori poteri di indirizzo sulla materia, ha sollecitato la possibilità che le Bcc, in caso di crisi, possano perdere la maggioranza del gruppo unico.

Segue...

Gabriele Giannone
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif