Attualità Modica 09/06/2016 12:17 Notizia letta: 1330 volte

Modica, inaugurata l'aula Ignazio Giurdanella

Dedicata all'uomo scomparso in un incidente stradale
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/09-06-2016/modica-inaugurata-l-aula-ignazio-giurdanella-500.jpg

Modica - Questa mattina è stata consegnata a chi la occuperà fin dal prossimo anno scolastico, la classe dell’ultimo piano del Plesso di S.Teresa che ospiterà la prima media. Il Sindaco, accompagnato dal suo vice Giorgio Linguanti, ha presentato ai piccoli alunni attualmente in quinta elementare il nuovo piano ristrutturato sia nelle aule che nei bagni. I bambini per la prima volta hanno provato l’emozione di sedersi ad un banco di scuola media conoscendo anche qualcuno dei docenti del prossimo anno. In questo modo il corso di studi dell’obbligo è completo. Scuola materna al pian terreno, scuola elementare al primo piano e scuola media al secondo. “Grazie a questi lavori siamo riusciti a portare, anzi a riportare la scuola media a S.Teresa evitando lo smembramento della quinta elementare i cui bambini erano costretti a spostarsi a Pian del Gesù per continuare il percorso scolastico in classi differenti. Così manterremo sempre lo stesso gruppo evitando anche gli spostamenti in pullman verso l’altra scuola media. I genitori mi hanno espresso questa mattina tutta la loro soddisfazione per questa soluzione logistica”. Nella gioia per l’inizio di un nuovo cammino, c’è stata anche una parentesi triste. Il ricordo di Ignazio Giurdanella, il giovane papà modicano recentemente scomparso in un incidente stradale, i cui figli frequentano proprio il plesso di S.Teresa: “Questa classe verrà dedicata proprio a Ignazio – prosegue il Sindaco – perché la sua figura è stata molto importante per la vita quotidiana di questa scuola. Era sempre presente quando c’era da risolvere un problema, molto vicino all’ambiente scolastico. Ringrazio la moglie che oggi è stata qua con noi nonostante il comprensibile momento di dolore che sta attraversando per testimoniare il gradimento che lo sfortunato Ignazio avrebbe avuto per quest’opera”.

Redazione