Attualità Comiso 13/06/2016 11:04 Notizia letta: 4416 volte

Chi atterra a Comiso dove va? A Taormina


Warning: getimagesize(http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/13-06-2016/1465808903-0-chi-atterra-a-comiso-dove-va-a-taormina.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.ragusanews.com/home/site_new/admin/libs/functions.php on line 611

Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.ragusanews.com/home/site_new/admin/libs/functions.php on line 612
Rimane una delle mete preferite
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/13-06-2016/1465808903-0-chi-atterra-a-comiso-dove-va-a-taormina.jpg&size=0x500c0

Comiso - Taormina è una delle mete preferite di chi atterra all’aeroporto di Comiso. Lo ha dichiarato Rosario Dibennardo, il presidente di Soaco, la società che gestisce lo scalo, nonché vicepresidente di Federalberghi. In un’intervista rilasciata a Taormina Today, Dibennardo ha dichiarato:  “Abbiamo fatto dei sondaggi e abbiamo appurato che Taormina è una delle mete più richieste pur non essendo vicinissima a Comiso”. I flussi turistici in arrivo all’aeroporto  Pio La Torre fanno sicuramente ben sperare:  nel 2014 hanno registrato l’incremento maggiore tra tutti gli scali italiani. Nel 2014 si sono registrati 320 mila passeggeri, nel 2015 sono saliti a 370 mila, mentre a conclusione del 2016 si conta di arrivare a 500 mila passeggeri. Se da un lato è confortante vedere la crescita esponenziale dei passeggeri che atterrano al Pio La Torre, alcune considerazioni nascono spontanee: il viaggiatore medio, evidentemente, predilige ancora mete classiche del turismo siciliano come la bella Taormina. Anche chi atterra nella terra del barocco. D’altra parte, sempre nell’intervista a Taormina Today, Dibennardo spiega che Taormina rimane una delle mete preferite nonostante il nostro territorio non sia collegato con la città come Catania, che invece dispone di un pullman per Taormina ad ogni ora. E’ anche vero che il nostro territorio non dispone praticamente di collegamenti per nessun posto, a meno che non ci si munisca di auto a noleggio. Il presidente, comunque, è possibilista:  “L’obiettivo finale è di continuare a crescere e raggiungere il punto di pareggio, previsto nel 2018, e far sì che l’aeroporto possa auto sostenersi diventando un punto di riferimento per tutta l’area siciliana”.

Irene Savasta
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif