Attualità Amministrative 20/06/2016 08:11 Notizia letta: 1949 volte

Torino e Vittoria votano gli eredi di Cavour

Sinistra battuta nelle sue roccaforti
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/20-06-2016/torino-e-vittoria-votano-gli-eredi-di-cavour-500.jpg

Vittoria - Due trentenni, Chiara e Giovanni, piemontese l’una, siciliano, l’altro. Due movimenti, cinquestelle da una parte, liste civiche dall’altra. Due piazzeforti di quella sinistra al potere che fu anche e soprattutto comunista, Torino e Vittoria, espugnate con un’invasione di alluvionale freschezza.
Due storie simili, quelle di Chiara Appendino e Giovanni Moscato, sperimentate su due coordinate geografiche differenti, il Piemonte e la Sicilia. Entrambi trascinano la borghesia al potere. Potremmo chiamarla la “Rinascenza” della destra dopo anni di tenebre politiche, medievali. Una specie di vendetta che il popolo di Torino e Vittoria ha preso sulle “orde democratiche” di quella sinistra che lo avevano soggiogato e tormentato.
Chiara, industriale, figlia d’industriale, moglie d’industriale, incensata da confindustria e dai poteri forti di Torino, e Giovanni, avvocato del Fronte della Gioventù, lodato da salariati e imprenditori agricoli, riportano al potere la destra storica, erede di Cavour ed espressione della borghesia liberale che tanto cara fu, nell’ultimo ventennio, a Silvio Berlusconi e al suo dominio.
Ecco, dunque, la chiave di lettura politica delle amministrative di Torino e Vittoria. La destra, infiltrata in liste civiche e movimenti popolari, torna impetuosamente al governo. E lo fa con intelligenza e premiata strategia politica ed elettorale. Gli ingredienti che sono venuti meno a Matteo Renzi e al suo Partito Democratico. Le fanfaronate del Gran Visir di Palazzo Chigi, già sindaco di Firenze, non fanno più presa sull’elettorato. Le campane, infatti, già suonano l'ora di Roma.

La vignetta di Valeriano: Matteo Renzi finisce in Appendino

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1508745275-3-toys.jpg