Attualità Modica 23/06/2016 12:25 Notizia letta: 15634 volte

Il regalo di Giovanni è arrivato

Una termoculla di ultima generazione
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-06-2016/il-regalo-di-giovanni-e-arrivato-500.jpg

Modica - E’ finalmente arrivato il regalo che il piccolo Giovanni Ignaccolo ha fatto all’Ospedale Maggiore di Modica: una termoculla di ultima generazione. Oggi, grazie a Giovanni, tutti i bambini meno fortunati potranno usufruire di uno strumento importantissimo di cui l’ospedale si è dotato, grazie alla generosità dell’intera Nazione che da Nord a Sud ha contribuito. Giovanni Ignaccolo aveva tre anni quando l’11 gennaio del 2012 cadde dalla tromba delle scale. In seguito a questo terribile incidente, avvenuto nella sua casa di Ispica, i genitori, Valeria e Salvatore, hanno iniziato un calvario durato quattro anni. Giovanni, infatti, aveva appena tre anni quando subì questo gravissimo incidente: un volo di sei metri. Immediato l’arrivo dei soccorsi e il ricovero al Maggiore di Modica: Giovanni aveva una profonda frattura al cranio e una decompressione della massa ematica rilevante. Ma Giovanni era forte: è riuscito a vivere per quattro anni, grazie anche alla tenacia dei genitori. Si è spento il 24 aprile scorso, all’età di sette anni. Eppure, questo bambino ha donato alla famiglia un’eredità morale: far si che venga lasciato un suo regalo all’ospedale Maggiore, il posto in cui è stato ricoverato e che era diventato, per la famiglia di Giovanni, una seconda casa. Ed è così che è iniziata una gara di solidarietà. Ragusanews.com ha aperto una sottoscrizione in favore della famiglia Ignaccolo e, grazie alla generosità di tutti coloro che hanno voluto contribuire, in pochi mesi  ha permesso che venisse acquistata una termoculla di ultima generazione, permettendo che il sogno di Giovanni e della sua famiglia si realizzasse. Il regalo di Giovanni sarà presentato a tutti oggi pomeriggio a partire dalle 17.30 grazie ad una diretta di RAI Uno dall’Ospedale Maggiore, all’interno del programma “La vita in diretta”.

Irene Savasta