Lettere in redazione Scicli 05/07/2016 12:56 Notizia letta: 7479 volte

Quelle strisce blu. Anche di domenica

Riceviamo e volentieri pubblichiamo
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-07-2016/1467716659-0-quelle-strisce-blu-anche-di-domenica.jpg&size=779x500c0

Scicli - Domenica mattina io e mia moglie, ci siamo svegliati e dopo una settimana di lavoro e stress, abbiamo deciso di andare al mare.
Raggiungiamo la nostra automobile e da lontano intravedo sul parabrezza il fatidico fogliettino azzurro: una multa! Mi viene il dubbio: ma oggi non è domenica? Rimango scioccato e chiedo a mia moglie: ma perché questa multa? A un certo punto vedo una figura a cui ormai ci siamo abituati durante la settimana: il controllore delle strisce blu..Vado verso di lui furibondo..ma lui con molta calma mi dice “ma come non lo sa? Abbiamo anche cambiato la segnaletica! Non ha visto che non ci sono piu’ indicati i giorni di validità? “…Rispondo: “NOOO!!, mi scusi ma proprio NOOO!!”. Comunque se ha problemi vada a fare reclamo presso i vigili urbani.. Lo lascio sotto il sole cocente all’ombra di un alberello e auguro buon lavoro..ma prometto a mia moglie che l’indomani sarei andato dritto dritto presso gli uffici dei vigili.. Purtroppo la giornata è segnata e anche se ci rechiamo a mare, rimango pieno di perplessità sull’abuso subito!! Si!, perché non posso non sottolineare che si è trattato di un abuso! Purtroppo ci stiamo dimenticando che ognuno di noi, nell’ambito del proprio lavoro, dovrebbe cercare di considerare il proprio operato
come un servizio agli altri prima ancora che una fonte di reddito. Raccontavo stamattina a un amico che quando ero piccolo, ho conosciuto una persona splendida (era anche cugino di mia nonna) che oltre a essere un piccolo commerciante di scarpe, era anche un consigliere comunale di Ragusa, si chiamava Giuseppe Viviani: questa persona andava sempre a piedi e prendeva gli autobus e vedevo che quasi sempre qualcuno si avvicinava e gli raccontava qualche problema del quartiere o anche personale… lui ascoltava ma poi prontamente andava a verificare o a telefonare all’ufficio competente… quasi sempre se gli avevano detto che una lampadina della strada si era fulminata o che dell’acqua usciva dalla strada, l’indomani camionetta Enel o ufficio
tecnico li vedevamo a lavoro.. Piccole cose, ma oggi mi rendo conto che erano queste persone che davano e danno senso alla politica. Ora, questi atteggiamenti non erano per fortuna isolati e siamo andati avanti, con difficoltà e lentezza, ma siamo andati avanti. Oggi mi sento di dire che : siamo FERMI. Circa una settimana fa il comune ha riparato un guasto che ha causato l’inondazione della via Nazionale (parte alta), per circa 3 settimane ma nonostante si sono chiamati i vigili, l’ufficio tecnico, il comune , ecc. nessuno si è interessato al problema e sono convinto che tanti che avrebbero potuto fare, sono anche passati con le loro automobili su questa acqua!! Perché vi racconto questo? Perché come cittadino e residente in questo paese mi sto sentendo molto poco rispettato, inoltre stiamo dando ai turisti un bruttissimo messaggio di poca accoglienza! Vanno bene le strisce blu e anche creare dei parcheggi a tempo ma dovremmo ritornare al senso del servizio, alla tolleranza, alla buona educazione a non trattare i cittadini come qualcuno solo da punire!! Mi piacerebbe che gli amministratori di questo paesino, iniziassero a pensare che le persone che stanno qui e lavorano qui, ma anche i turisti di passaggio, hanno bisogno di vivere i servizi, di percepire che qualcuno vuole che stiano bene e di fare di tutto per lasciare un bel ricordo e desiderio di ritornare.
Nel frattempo ho pagato la famosa multa di 8 euro e non sono andato da nessuna parte a reclamare.. .eccetto che su questa pagina che spero mi pubblicheranno!! Buona estate a tutti e mi raccomando la domenica il divieto vale dalle
09 di mattina sino alle 24.00.

Salvatore La Terra