Attualità Ragusa 06/07/2016 09:51 Notizia letta: 3171 volte

Ragusa città Spiga Verde

Dopo la bandiera blu
http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-07-2016/1467791839-0-ragusa-citta-spiga-verde.jpg&size=708x500c0

Ragusa - Su Ragusa sventolerà, insieme alla Bandiera Blu, marchio internazionale riconosciuto per le spiagge più belle e pulite, anche la bandiera con le Spighe Verdi per i Comuni rurali italiani a più alto tasso di sostenibilità ambientale. In tutto, in Italia sono 13 le località che possono fregiarsi del titolo di Spighe verdi 2016, quest'anno alla sua prima edizione. L'iniziativa è promossa da Confagricoltura e Foundation for Environmental Education Italia, e ha l'obiettivo di certificare i processi virtuosi dei comuni rurali.  Per portare i Comuni rurali alla graduale adozione di uno schema come "Spighe Verdi", esiste un set di indicatori in grado di fotografare le politiche di gestione del territorio e indirizzarle verso criteri di massima attenzione alla sostenibilità, tra cui la partecipazione pubblica; l'educazione allo sviluppo sostenibile; il corretto uso del suolo; la presenza di produzioni agricole tipiche, la sostenibilità e l'innovazione in agricoltura; la qualità dell'offerta turistica; l'esistenza e il grado di funzionalità degli impianti di depurazione; la gestione dei rifiuti con particolare riguardo alla raccolta differenziata; la valorizzazione delle aree naturalistiche eventualmente presenti sul territorio e del paesaggio; la cura dell'arredo urbano; l'accessibilità per tutti senza limitazioni.

Le "Spighe Verdi" 2016 sono state assegnate in 9 Regioni.

Toscana e Campania le due regioni con il maggior numero di riconoscimenti; la prima con Castellina in Chianti, Massa Marittima e Castagneto Carducci, la seconda con Agropoli, Positano e Pisciotta. Un Comune rurale per ognuna delle restanti regioni: Serralunga di Crea (Piemonte), Lavagna (Liguria), Caorle (Veneto), Matelica (Marche), Montefalco (Umbria), Ostuni (Puglia) e Ragusa (Sicilia).
 

Redazione