Attualità Modica 10/07/2016 03:17 Notizia letta: 2495 volte

Modica, jamme jà

Musica in filodiffusione per turisti decerebrati
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-07-2016/modica-jamme-ja-500.jpg

Modica - Metti una sera a cena a Modica.

All'altezza della chiesa di San Pietro inizia una inattesa e gradita area pedonale.

Una ragazza piacevole, vestita con una vistosa gonna coi colori della Trinacria, ondeggia e balla su se stessa lungo la scalinata di San Pietro. 

Non c'è confusione, l'atmosfera è serena.

Appaiono tre artisti di strada, che intrattengono i bambini, felici di portare qualche spiccio di euro nel cappello del fantasista. 

Parte la filodiffusione, a un volume sostenuto. 

O sole mio, Dove sta zazà, Funiculì, Funiculà, e a seguire un trionfo di musiche per turisti che qualcuno -evidentemente- immagina decerebrati. 

Ma perchè mai un visitatore che sceglie Modica, città di cultura, di bellezze impareggiabili, dovrebbe aver voglia di trovare la macchietta dell'italiano come la descrivevano certi film anni 70?

No, cari direttori artistici, Modica non è la città di Giovannona coscialunga disonorata con onore. Modica è la città dove il poeta portò il nome del padre un po' più in là dell'odio e dell'invidia. 

Cambiate disco, please. 

Redazione