Attualità Scicli

Mai dire cannolo

Il cannolo di Giorgio Ruggeri

Scicli - E’ un cannolo, ma non nel senso tradizionale del termine. E’ un dolce che va oltre la tradizione, una rivisitazione di un piatto tanto famoso quanto prelibato. Cos’altro poteva dare il cannolo alla cucina? Mai dire mai. E’ il cannolo di Giorgio Ruggeri, chef dello Zafran Restaurant di Donnalucata. E’ un piatto che si mangia con gli occhi: arancio, bianco, rosso. Ma non basta. Una sfoglia sottile, croccante e delicata, preparata secondo un’antichissima ricetta tradizionale, prevede l’aggiunta di un po’ di cacao al suo interno. Una composta di clementine si può gustare alla base del piatto. Insieme alla composta di mandarino, alcune gocce di ganache di cioccolato bianco e di finissimo cioccolato di Modica, donano alla salsa un gusto agrodolce. La composta di more locali, ciliegie dell’Etna e fragole,  invece, compensa  la dolcezza delle clementine e del cioccolato.  Ma il tocco finale è dato dalla maggiorana: fresca, intensa, ricorda al palato i ravioli di ricotta della tradizione ragusana. Naturalmente, il cannolo è rigorosamente di ricotta vaccina.

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif