Attualità Scicli 15/07/2016 12:31 Notizia letta: 4145 volte

Una mano all'Ipad e una alla carriola. Marketing del gusto

Un libro di Luciana Squadrilli e Slawka G. Scarso
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-07-2016/una-mano-all-ipad-e-una-alla-carriola-marketing-del-gusto-500.jpg

Scicli - Non esiste al momento un settore più alla moda e trainante in Italia come il food. Se negli anni ’90 erano gli architetti i nuovi divi, negli anni 2000 questo ruolo spetta agli chef. Un mestiere antico quanto complicato ed è per questo che sorge spontanea una domanda: perché molti pensano che basti saper cucinare a casa per poter aprire un ristorante? Perché alcuni hanno più successo rispetto ad  altri? Quali sono gli elementi che determinano la sconfitta di un’idea? Questi sono solo  alcuni degli aspetti trattati nel libro “Marketing del gusto” scritto da Luciana Squadrilli, giornalista freelance e consulente specializzata in PR e comunicazione digitale e Slawka G. Scarso, scrittrice, docente e consulente in comunicazione enogastronomica. Marketing del gusto è stato presentato ieri pomeriggio a “Gli aromi – Sicily” di contrada Santa Rosalia a Scicli. L’errore più comune nella ristorazione? “Non voler o non saper delegare e non saper riconoscere i propri limiti”, spiega Slawka Scarso e aggiunge: “Ci si tende ad improvvisarsi sia nella comunicazione che nella gestione economica”. Luciana Squadrilli, spiega: “Tutti pensano di saper fare i ristoratori perché magari sanno cucinare in casa. Invece, quello che manca, è spesso l’approccio da imprenditore, ovvero la gestione del costo effettivo, saper far fruttare i tempi morti”. Enrico Russino, proprietario dell’azienda Gli aromi, ha aggiunto: “Molti pensano che aprire un’attività vuol dire semplicemente tirare su la saracinesca. Ma non è così. Bisogna avere una mano sull’Ipad e una alla carriola”. In ruolo dei social media, infatti, è essenziale: inutile far finta che non esistano. Bisogna scenderci a patti, che lo si voglia o meno. E’ da quei canali che passa la principale forma di comunicazione per un ristorante. Internet e social: impossibile farne a meno. Ha moderato e presentato l’intervento il giornalista Giuseppe Savà.

Irene Savasta