Lettere in redazione Modica 25/07/2016 21:17 Notizia letta: 5874 volte

Travolti da un chiassoso destino nell'azzurro mare di Maganuco

Nessuno controlla le emissioni sonore
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/25-07-2016/travolti-da-un-chiassoso-destino-nell-azzurro-mare-di-maganuco-420.jpg

Modica - Spett.li Questore, Sindaco di Modica, Comandante dei VVUU,

E' con molto piacere che formulo alle Signorie Vostre l'invito a fare colazione presso la mia dimora, a Maganuco, e se voleste farmi l'onore sarebbe molto bello che vi tratteneste anche per pranzo, e merenda, e cena, e dopocena, in modo che anche voi possiate essere allietati dalle sonorità caraibiche di cui godo gratuitamente, e da quelle dell'acquagym, dei balli di gruppo, dei microfoni rimbombanti, della hit dell'anno ripetuta decine di volte, delle casse stridule, delle stanze che riverberano bassi, della discoteca e de ogni pianobar e karaoke dell'Albergo Conte di Cabrera..

Sarà un peccato non potervi allietare con una scelta musicale ricercata e personalizzata, come è mio piacere e uso, ma come potrete comprendere non è possibile per me scegliere cosa ascoltare e a che orario mi piacerebbe farlo.
Sareste i primi ospiti dopo tempo giacché nella nostra casa abbiamo smesso di ricevere da qualche anno, da quando abbiamo preso l'abitudine di pranzare e cenare in casa, dove possiamo tranquillamente chiuderci dentro.

L'occasione sarà gradita per raccontarvi di quando l'anno scorso, dopo ripetute e inutili segnalazioni alle forze dell'ordine, l'esasperazione mi aveva condotta a portare all'attenzione della stampa le abitudini dell'acustica del Conte di Cabrera in questa zona di Maganuco con questo articolo http://www.ragusanews.com/articolo/55801/il-conte-tolga-il-disturbo.
Il direttore dell'albergo mi rispose così http://www.ragusanews.com/articolo/55818/hotel-conte-di-cabrera-metteremo-barriere-antirumore. Sfortunatamente però il direttore non ha potuto dare seguito alle sue promesse.

L'invito è ovviamente da considerarsi esteso ai tecnici dell'attività coordinata per controlli emissioni sonore nei locali pubblici, in modo da consentire loro di effettuare i rilievi in modo diretto e agevole.

Se desideraste fermarvi anche a pernottare, nel primo cassetto del comodino delle camere le cui finestre affacciano verso l'albergo, troverete una scelta di tappi per le orecchie.

Nel caso in cui non voleste fermarvi a riposare qui, potremmo concludere la serata in spiaggia, dove diritto al silenzio e serenità continuano a essere preservati, guardando le stelle e ascoltando il suono del mare. Se l'umore sarà sufficientemente lieto sarà a nostra disposizione una chitarra e gli spartiti della ormai famosa canzone “Conte di Cabrera, dai vieni anche tu, un posto così non lo scordo mai più”.

Alessia Scarso
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg