Cronaca Vittoria 27/07/2016 10:35 Notizia letta: 11123 volte

Tunisini, ubriachi, scaraventano immondizia sui passanti

Uno è stato arrestato
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/27-07-2016/tunisini-ubriachi-scaraventano-immondizia-sui-passanti-500.jpg

Vittoria - Poco dopo le 19.30 di ieri la polizia è intervenuta presso  il quartiere Trinità di Vittoria dove due persone in evidente stato di ebbrezza alcoolica creavano pericolosi disordini. Due extracomunitari in modo confuso e violento scaraventavano verso i passanti, fossero essi pedoni o automobilisti, i sacchi di rifiuti che prelevavano da terra dopo avere ribaltato uno dei grandi contenitori di r.s.u. Addirittura lanciavano in varie direzione alcuni cartelli di segnaletica stradale per l’esecuzione di lavori di scavo, rappresentando un grave pericolo per le persone che si trovavano a transitare da quella strada. Alla vista dei poliziotti l’atteggiamento dei due violenti piuttosto che acquietarsi si esacerbava.

Uno di loro estraeva un grosso coltello dalla tasca, l’altro frantumava la bottiglia di birra che teneva in mano ed entrambi tentavano di scaraventarsi contro gli Agenti che si schivavano e tentavano di immobilizzarli. Solo grazie all’intervento del nutrito gruppo di agenti è stato immobilizzato l'uomo armato di bottiglia che scalciava violentemente danneggiando l’interno dell'auto della Polizia e lo sportello e colpiva alla gamba anche un militare dei carabinieri che era poi costretto a recarsi presso il locale pronto soccorso per le cure e dove per i traumi agli arti subiti ha ricevuto una prognosi di guarigione di nove giorni. L'altro uomo, invece, è riuscito a fuggire.

Il soggetto immobilizzato è GADER Mohamed, nato in Tunisia,  22 anni. E' stato arrestato per il reato di violenza, resistenza e minaccia ad un Pubblico Ufficiale, danneggiamento di beni dello Stato, lesioni personali e porto abusivo di oggetto atto ad offendere. Su disposizione del s. Procuratore della Repubblica dr.ssa Giulia Bisello, è stato condotto presso il carcere di Ragusa. L’altro extracomunitario è ancora ricercato.

Irene Savasta