Attualità Scicli 31/07/2016 21:57 Notizia letta: 1611 volte

Carlo Muratori canta Povera Patria. In siciliano

Il sale come vita, purificazione, cura, medicamento
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/31-07-2016/carlo-muratori-canta-povera-patria-in-siciliano-420.jpg

Scicli - Un lavoro di ricerca lungo sei anni.

"Sale" si intitola l'album di Carlo Muratori, presentato sabato sera a Villa Penna a Scicli, per iniziativa di Alina Catrinoiu. 

I greci usavano quattro parole per indicare il mare, il mare salato. 

Thalatta: il termine generale. Poi Als, che vuol dire sale e diventa estensivo di mare. Poi Pelagos, che è il mare alto, e infine Pontos, che è il mare da attraversare. 

Il sale come vita, purificazione, cura, medicamento. 

Un percorso poetico -quello di Muratori - lungo il Risorgimento, la conquista sabauda della Sicilia, grazie ad "Anibardo"-Giuseppe Garibaldi, e poi il racconto della vita della potessa Mariannina Coffa, "chè le donne in Sicilia non devono scrivere, perchè buone solo per fare figli". 

Una bella serata, in un contesto intimo e raccolto, concluso con un bis.

"Povera Patria" di Franco Battiato, canzone pubblicata nel 1991, profetica dei fatti del 92.

Tradotta in siciliano da Muratori e dallo stesso Battiato. 

Redazione