Attualità Pozzallo

Un mare d'ambiente, corso di snorkeling

Partecipazione gratuita

Pozzallo - L'iniziativa, aperta alla partecipazione degli studenti dell'Istituto d'Istruzione Superiore Giorgio La Pira di Pozzallo e di giovani e turisti fino a 35 anni di età, ha puntato ad avviare i corsisti a questa attività sportivo-naturalistica che, oltre a far sì che si possa godere dello spettacolo del mare in piena sicurezza, fornisce anche le basi a chi voglia dedicarsi all'indagine naturalistica dell'ambiente marino e al monitoraggio ambientale. Nel corso dei sei incontri, Maurizio Buggea, istruttore di pluridecennale esperienza e responsabile nazionale Archeologia Subacquea della UISP e del Centro Subacqueo Ibleo Blu Diving di Ragusa, ha scelto e sviluppato i seguenti argomenti: coscienza del valore del bene ambientale ed il suo rispetto come bene comune; cenni sulla conoscenza dell’organismo umano durante la pratica dello snorkeling, consistente nel nuotare in superficie con l'ausilio di pinne, maschera, tubo aeratore; conoscenza dell’utilizzo corretto delle attrezzature sopra citate; norme di comportamento per la sicurezza individuale; riconoscimento diretto a mare delle specie animali e vegetali attraverso delle schede biologiche plastificate. La parte pratica del corso ha riguardato le prove di ambientamento in acqua, la correzione della pinneggiata, la tecnica a cui ricorrere per svuotare la maschera quando si è in immersione e per respirare sott'acqua. Un'intera lezione è stata
dedicata al monitoraggio e alla raccolta dei rifiuti presenti sul fondale marino (vetro, plastica, copertoni).
“Il corso ha suscitato vero interesse tra i partecipanti. Inoltre, con il supporto delle schede plastificate si potevano in contemporanea individuare e conoscere le specie vegetali ed animali che con lente pinneggiate man mano incontravamo.” - racconta Maurizio Buggea - “Lungo il percorso fatto a tappe nei vari giorni, partendo dalla spiaggia di Raganzino verso Torre Cabrera, abbiamo avvistato ancore sommerse, e il bacino di varo e alaggio del vecchio cantiere navale operante a Pozzallo, detto 'a valata'. Anche per me è stata una bella esperienza perché ho avuto modo di conoscere persone interessate a questa disciplina”. La scelta di Pozzallo, come sede del corso, non è casuale: “Il fatto che il corso si sia svolto a Pozzallo evidenzia l'importanza che questa città costiera riveste e può in futuro rivestire nella conoscenza e salvaguardia del mare.” - dichiara il
dott. Antonino Duchi, di Legambiente Ragusa – Questa è un'attività che può aprire una prospettiva di maggior coinvolgimento della popolazione nelle attività di monitoraggio e di pulizia dei fondali. L'auspicio è che si possa darvi seguito nel tempo aprendo alla partecipazione non solo della comunità pozzallese, ma anche dei visitatori, nell'ottica di un turismo sostenibile che
tuteli e migliori l'ambiente”. Il progetto “Un Mare d'Ambiente” ha lo scopo di indirizzare la formazione delle nuove generazioni verso la tutela e la valorizzazione delle risorse ambientali e naturalistiche legate al mare e alla fascia costiera, il riciclo e il riuso dei materiali, e il ricorso alle energie rinnovabili.
 

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif