I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Venerdì 09 Dicembre 2016 - Aggiornato 09/12/2016 13:00 - Online: 628 - Visite: 41365289

 

31/08/2016 12:18

Notizia letta: 1826 volte

FestiWall: l'arte murale ritorna a Ragusa

Dal 6 al 18 settembre

FestiWall: l'arte murale ritorna a Ragusa
 
 

Ragusa - Una prima edizione che ha portato il festival di arte pubblica più meridionale d'Italia direttamente tra i dieci migliori eventi di street art del Paese. Una seconda edizione che – se possibile – si annuncia ancora più grande.


FestiWall ritorna dal 6 al 18 settembre, con due settimane di lavori. A curare l’evento l’associazione culturale Pandora che, per bocca dei due componenti Antonio Sortino e Vincenzo Cascone, presenterà alla stampa, insieme alle cariche istituzionali cittadine, i dettagli dell’evento in conferenza. L’appuntamento è per le ore 12 di giovedì 1 settembre, presso la sala giunta del Comune.



Il programma

 

Sono attesi a Ragusa cinque fra i maggiori rappresentanti dell'arte murale internazionale. Prenderanno parte alla manifestazione, che quest'anno durerà due settimane (dal 6 al 18 settembre), Agostino Iacurci, unico italiano del gruppo, dallo stile geometrico e inconfondibile; la spagnola Hyuro con le sue opere di forte impegno sociale; il tedesco SatOne, voce autorevole del ""Graffuturismo Europeo"; l'onirico australiano Fintan Magee, capace di fondere sogno e realtà; e infine, per la prima volta in Italia, Evoca1, uno dei massimi esponenti del figurativo iperrealista.

Novità anche nella scelta del quartiere ospitante, che per quest'anno è il "Selvaggio", zona periferica della città, densamente popolata e ad alta concentrazione di edilizia popolare. Saranno infatti proprio le grandi facciate degli edifici popolari a trasformarsi in tele da museo sotto le sapienti mani degli artisti. Il quartiere, denominato comunemente “Selvaggio” è una area che ospita diverse strutture sportive della città ma dove ancora è forte la frattura generata dall’edilizia popolare. L’area è stata interessata negli anni ‘80 da una speculazione che ha disegnato un discutibile scenario urbano costellato da grandi edifici residenziali. La cosiddetta E. R. P. (Edilizia Residenziale Pubblica) è stata per anni sinonimo di “degrado urbano” ed esempio di periferia poco utilizzata negli eventi della città. Una scelta di campo politica, da parte di FestiWall, che conferma l'attenzione che l'evento ha per l'analisi della storia urbana della città. Spazio all'arte in tutte le sue forme e a tutti i suoi livelli, con il doppio binario dei tre workshop aperti al pubblico e dell'Open call Dis/fare rete per artisti, chiamati a concorrere per giocare un ruolo nella realizzazione di un muro collettivo.

Novità anche nell'allestimento, che quest'anno si svolgerà presso un quartier generale collocato nel quartiere: un "bene comune" ancora non assegnato che l'associazione Pandora promotrice dell'evento, vuole rivitalizzare per farlo conoscere alla cittadinanza. Un edificio comunale che presterà la facciata esterna all'arte e quell'interna alla socialità attraverso mostre e concerti. Tra gli altri appuntamenti. Quello con "La scelta errata", la mostra che il milanese Johnny Cobalto dedica ai vizi capitali, e il concerto Same Brushes, che il jazzista Gianni Gebbia terrà il 15 e il concerto-evento di Stokka & MadBuddygruppo storico dell'Hip Hop italiano previsto Venerdì 16 settembre. Chiusura in grande con il closing event affidato a Sound Butik, il 17 settembre.

Redazione

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+