I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Venerdì 09 Dicembre 2016 - Aggiornato 09/12/2016 10:23 - Online: 548 - Visite: 41357517

 

04/09/2016 22:19

Notizia letta: 4338 volte

E Beppe Severgnini scoprì gli Sciclitani

Ha scritto un libro profetico -per Scicli- sull'albergo diffuso

E Beppe Severgnini scoprì gli Sciclitani
 
 

Scicli - Ospiti non invitati. Spettatori imbucati.

Sabato pomeriggio in via Mormina Penna si respira l’aria dell’attesa.

San Giovanni Evangelista, la chiesa che custodisce un pudico Cristo con una gonna sacerdotale ai fianchi, ospita ogni settimana la messa che suggella un matrimonio.

Così sabato pomeriggio, all’appuntamento col lancio del riso e i colpi di moschetteria che da qualche anno arricchiscono l’uscita degli sposi dalla chiesa, ad alcuni visitatori è accaduto di imbucarsi nell’applauso liberatorio che parte alla vista degli innamorati finalmente uniti nella promessa eterna.

Fra questi, mimetizzato dalla barba leggermente incolta e da un paio di occhiali da sole, Beppe Severgnini, giornalista del Corriere e dell'International New York Times, allievo di Montanelli, scrittore, conduttore di trasmissioni televisive di successo in Italia, Inghilterra e Usa, docente alla Bocconi, Officer of the British Empire su nomina di Elisabetta II d’Inghilterra. E anche autore di un libro profetico sull'albergo diffuso. 

Insieme alla dolcissima Ortensia - “quando ci sposammo trenta anni fa lei non volle mettere il velo”- Severgnini ha conosciuto il modello di crescita culturale e turistica di Scicli lungo un percorso che da via Mormina Penna lo ha portato a palazzo Beneventano e nella cava di San Bartolomeo.

La promessa di un ritorno, per capire di più di questa città incredibile e stupefacente, dove con la cultura, grazie all’apertura dei siti di interesse architettonico, si mangia.

Checchè ne dica Giulio Tremonti.

Redazione

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+