I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Venerdì 09 Dicembre 2016 - Aggiornato 09/12/2016 00:07 - Online: 566 - Visite: 41353901

 

04/09/2016 11:11

Notizia letta: 4742 volte

Lettera dal sud, un’immagine inedita della Sicilia

Di Antonio Carnemolla

Lettera dal sud, un’immagine inedita della Sicilia
 
 

Ragusa - Ha scelto la forma della video – lettera Antonio Carnemolla per raccontare la sua Sicilia. Una missiva scritta per la propria fidanzata veneta, Silvia, e per cercare di spiegarle il legame profondo e genuino che ha con la propria isola. Una terra raccontata da molti e che negli ultimi anni, grazie al successo della serie tv che vede protagonista il Commissario Montalbano, è diventata familiare al pubblico televisivo. Qui però gli scorci poetici non sono ripuliti dalle persone reali che animano le strade.

Il video di Antonio Carnemolla non è fiction. Ed eccoci allora immersi tra la gente del ragusano, tra vacanzieri e villeggianti e anche tra turisti che imbattendosi nei tristemente noti barconi possono assaporare un po’ di “suspense”.

Tra ironia e leggerezza il video Una lettera dal sud descrive con toni delicati il ritmo di certi giorni che solo in alcune parti della Sicilia si possono vivere: “ ho voluto raccontare il fatto che in un piccolo paese del sud il tempo sembra non passare mai, ci si può anche annoiare ma qualcosa da fare la si trova sempre. Un passatempo molto diffuso è ad esempio il curtigghiu, il gossip. Le giornate si riempiono di storie colorate perché le persone che vivono nei piccoli paesi sanno tutto di tutti, o credono di saperlo - spiega Antonio Carnemolla -. Ho scritto una lettera a Silvia, la mia ragazza che vive al nord e prima di raggiungerla ho voluto così salutare sia lei che la mia terra, raccontando quelle piccole cose piacevoli e uniche che solo in Sicilia si possono fare”.

Piccoli gesti che varrebbe la pena vivere almeno due mesi per campare cent’anni. Parola di saltimbanco.

Redazione

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+