Cronaca Ragusa

Pesce fresco, gambe surgelate. Il lavoro avariato

Falso invalido

Ragusa - La certificazione medica era sin troppo chiara, quasi impietosa, per quell’operatore ecologico: inidoneo a svolgere il ruolo di spazzamento stradale per via di una lesione della colonna vertebrale lombare. Un infortunio sul lavoro certificato. Impossibilitato, quindi, a prendere scopa e paletta per motivi di salute.
Ma è lontano dal posto di lavoro che sembra compiersi il “miracolo”.

La sceneggiatura sembra quella di un cortometraggio dove ogni ciak sembra ha una precisa ideazione per alimentare il pathos nello spettatore.
Tutto si compie in una sera d’agosto quando il titolare di una nota azienda che si occupa della gestione del servizio di Igiene e Urbana in uno dei comuni della provincia di Ragusa e datore di lavoro, dunque del’operatore ecologico, decide, unitamente al suo Direttore tecnico, di recarsi in un rinomato ristorante per gustare i sapori del pesce fresco appena pescato.
Qui il cast si allarga e si compie la gag di indiscutibile genialità, quella che non t’aspetti.

L’industriale e il suo collaboratore nella sala strapiena di gente vengono serviti al tavolo indovinate da chi? Proprio da quel lavoratore, infortunatosi sui luoghi dello spazzamento stradale.

La scena che si consuma in questo momento è perfetta. Niente eccessi in questo contesto avranno pensato i vertici dell’Azienda. Meglio gustare le prelibatezze della casa e rinviare tutto al giorno dopo.

Il finale non stupisce. L’alba del nuovo giorno si apre con la denuncia alla Questura di Ragusa dei fatti riportati per gli accertamenti d’indagine da parte della Autorità Giudiziaria.

Il pranzo è servito. 

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif