I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Venerdì 09 Dicembre 2016 - Aggiornato 09/12/2016 00:07 - Online: 163 - Visite: 41349089

 

10/09/2016 11:25

Notizia letta: 2081 volte

Ragusa, Ibla Folk, stasera concerto del Talèh

Presso i giardini iblei

Ragusa, Ibla Folk, stasera concerto del Talèh
 
 

Ragusa - Le “Tradidanze” siciliane segnano il debutto della quarta edizione di Ibla Folk 2016. Il festival di musica folk e world negli Iblei, fondato da Mario Gulisano e Saro Tribastone e diretto dal compositore ragusano presenta, oggi pomeriggio, a partire dalle 18, sulla salita di Via Scale Duca, il seminario “Tradidanze”, un incontro sulla tradizione delle danze siciliane, curato da Santino Merrino e Marilena Fede. Merrino, cultore di una lunga tradizione familiare, è il fondatore dei Cantustrittu, un gruppo messinese formato da una decina di musicisti che suona musica tradizionale siciliana. Una band che promuove u sonu. Musiche e danze della tradizione peloritana. Merrino è coadiuvato dalla musicista Marilena Fede, che da anni si occupa di ricerca e diffusione di canti e balli popolari.

Alle 22, in Piazza della Repubblica, si tiene il momento conclusivo del seminario, che si traduce in un coinvolgente ballo collettivo: una vera e propria festa popolare. In caso di pioggia, gli eventi si terranno all’interno dell’Auditorium San Vincenzo Ferreri.

Domani, sabato 10, alle 21, sulla scalinata dei Giardini Iblei, è la volta del concerto dei ragusani Talèh. La band di musica popolare celebra i vent’anni di attività esibendosi sulle note di “Mistera”, l’ultimo album, nel quale vengono esplorati i temi tipicamente iblei delle trovature e dei racconti fantastici. Quella dei Talèh è una musica popolare d’autore. I brani sono composti da Vincent Migliorisi e Gianni Guastella. I due cantano e suonano le chitarre. Gli altri componenti della band sono: alla voce e al marranzano, Salvatore Dipasquale; al basso e al violoncello, Jascha Parisi; alla fisarmonica, Giuseppe Sarta; alle percussioni e ai tamburi a cornice, Andrea Chessari.

«Ibla Folk, rispetto al passato – sottolinea Tribastone – concede più spazio alla Sicilia. Senza dimenticare il confronto con la world music, rappresentata in questa edizione, dalla violinista e cantante estone Maarja Nuut. L’obiettivo è quello di assurgere a punto di riferimento per i musicisti della musica popolare siciliana e mediterranea. Che si occupino sia di tradizione che di innovazione. Ibla Folk non è una rassegna. Ma un festival. Con un’ambizione: diventare un vero e proprio osservatorio della musica folk e world europea».

Il festival, ideato e organizzato dall’associazione Darshan, usufruisce del patrocinio dell’assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana, del contributo dell’assessorato agli Eventi, Sport e Spettacoli di Ragusa, in collaborazione con il Piccolo Teatro del Mercato di Ragusa Ibla.

 

Redazione

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+