I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Venerdì 09 Dicembre 2016 - Aggiornato 09/12/2016 10:23 - Online: 541 - Visite: 41357490

 

11/09/2016 20:55

Notizia letta: 1272 volte

Traces di memoria indelebile

Il lavoro di Francesca Genna

Traces di memoria indelebile Traces di memoria indelebile
 
 

Roma - Dal 15 settembre, Interno 14_lo spazio dell’AIAC – Associazione Italiana di Architettura e Critica ospita “Traces” di Francesca Genna a cura di Roberta Melasecca.
Traces, ovvero tracce, segni, impronte, orme, documenti, testimonianze, schizzi, segmenti, appunti, sezioni magnetiche su cui sono registrati suoni: il lavoro di Francesca Genna, marsalese, è un meticoloso inseguimento delle tracce della memoria che ha la connotazione di unità di misura del sentire autentico, lento, digerito, assorbito del proprio vissuto d’arte. Ogni opera della Genna è il risultato di un processo sedimentato e rigoroso che ridona vita a relitti, scarti, che l’utilità ha bypassato ma che la memoria ha riassorbito nel suo tessuto spontaneo vitale.
Francesca raccoglie segmenti di vita vissuta reale e ne lascia ri-assaporare impercettibilmente il senso originario: le immagini impresse delle sue lastre diventano così racconto di luoghi e spazi e assumono forme nuove nelle quali è possibile riconoscere un esistere rigenerato e rigenerante, sostenibile, lentamente restituito a nuova vita, metamorfosi originale eppure arcaica delle verità antiche della natura.
Objets trouvès, pezzi di legno lavorati dal mare, scarti di segheria, lastre di alluminio non più utilizzate dalle tipografie o dai laboratori di fotolito diventano così le matrici con le quali vengono realizzate le incisioni di Francesca sperimentando cromatismi diversi e diversi sapori atmosferici.
Tecnica e medium sono dunque per Genna fondamentali utilizzando sostanze di ultima generazione, come fotopolimeri, lastre solari che si impressionano alla luce del sole e si sviluppano con acqua: Francesca infatti, da lungo tempo docente all’Accademia di Belle Arti di Palermo, esplora materiali comunemente detti “non-toxic” dando vita ad un ciclo nuovo di incisione sostenibile, un tentativo di esperienza culturale, capace di coniugare creatività a virtuose pratiche di rispetto ambientale.
Il lavoro di Francesca denota una tensione continua ad una sintesi organica tra spazio, tempo ed azione: l’obiettivo non è dunque l’opera finita ma il processo innescato dall’esperienza e dalla autoconsapevolezza.
La mostra è visitabile dal 16 al 24 settembre 2016 su appuntamento: T. +39 335 6703225

Francesca Pellegrino

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+