Attualità Palermo 13/09/2016 13:19 Notizia letta: 2100 volte

La stanza blu. O delle Meraviglie. Il documentario. VIDEO

Sarà presentato il 23 settembre
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/13-09-2016/la-stanza-blu-o-delle-meraviglie-il-documentario-video-420.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/13-09-2016/1473765792-1-la-stanza-blu-o-delle-meraviglie-il-documentario-video.jpg&size=753x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/13-09-2016/1473765792-2-la-stanza-blu-o-delle-meraviglie-il-documentario-video.jpg&size=892x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/13-09-2016/la-stanza-blu-o-delle-meraviglie-il-documentario-video-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/13-09-2016/1473765792-1-la-stanza-blu-o-delle-meraviglie-il-documentario-video.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/13-09-2016/1473765792-2-la-stanza-blu-o-delle-meraviglie-il-documentario-video.jpg

Palermo - Sembra il luogo delle Mille e una notte e tanti sono i nomi dati a questa stanza: camera blu, camera delle meraviglie, camera araba. Da quando è stata scoperta, in un’abitazione di via Porta Castro a Palermo, ha incantato studiosi e curiosi di tutto il mondo. Ora, un documentario parlerà di questa affascinante opera d’arte. Una delle tante meraviglie che riserva la città di Palermo. Sarà presentato venerdì 23 settembre alle ore 18 all’auditorium Rai di Palermo (viale Strasburgo 19) il documentario denominato appunto “Camera delle mervaglie” per la regia di Salvatore Militello, testi e voce di Alberto Samonà.

Presenti anche due dei tre studiosi dell’istituto di lingue orientali e asiatiche dell’università di Bonn, l’insegnante di arabo Sarioun Karam e l’iranista e specialista per le lingue orientali Sebastian Heine, che si sono occupati della suggestiva stanza di via Porta di Castro.

Il video dura circa 25 minuti. Nel documentario vi sono anche i contributi del critico d’arte Vittorio Sgarbi, che ha definito la Camera delle meraviglie “una stanza del dialogo”. Intervista anche al radiologo dell’Unesco Giuseppe Salerno: ha effettuato una tac ad una delle porte della stanza araba scoprendo che sotto tre strati di vernice c’è un disegno ancora più ricco di quello attualmente visibile realizzato seguendo il rilievo delle pennellature originario, in attesa del definitivo restauro.

La stanza blu resta una testimonianza importante del passaggio arabo a Palermo, pur essendo stata decorata nel 1800. Secondo alcuni studiosi, sarebbe stata utilizzata per riti magico-esoterici di carattere massonico.

 

 

 

Irene Savasta