I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Venerdì 09 Dicembre 2016 - Aggiornato 09/12/2016 13:00 - Online: 623 - Visite: 41365266

 

15/09/2016 15:04

Notizia letta: 9724 volte

Omicidio Nicosia. La pista da seguire è quella mafiosa?

Un caso misterioso

Omicidio Nicosia. La pista da seguire è quella mafiosa?
 
 

Vittoria – Sono passate più di 48 ore dall’omicidio Nicosia e dei killer nessuna traccia. Un caso in salita, uno strano silenzio a Vittoria, anche da parte delle istituzioni politiche, in merito a questo omicidio avvenuto il 12 settembre, fra le 9 e le 10 del mattino, lungo la strada Vittoria-Santa Croce, all’interno del negozio di autoricambi della vittima.  Salvatore Nicosia, detto Turi Mazinga, è stato freddato da tre colpi di fucile caricato a pallini. Secondo il medico legale, uno dei colpi gli ha perforato il polmone. Il corpo dell’uomo, 39 anni, incensurato, è stato ritrovato dagli inquirenti un’ora dopo, avvertiti da un cliente giunto nel negozio.

Turi Mazinga aveva un carattere piuttosto esuberante. Una testa calda, una presenza imponente, grazie anche al fatto che praticasse culturismo. E visto che si tratta dell’omicidio di un incensurato, stupisce ancora di più il silenzio dei cittadini e delle istituzioni. Il sentimento è quello dell’attesa. Della cauta attesa.

Gli altri due omicidi avvenuti quest’anno a Vittoria, Saillant e Dezio, sono stati risolti nel giro di poche ore: il primo, movente passionale, il secondo avvenuto a causa di litigi dovuti ai confini agricoli. E l’omicidio Nicosia? Nulla trapela da parte degli inquirenti. Ma comincia a farsi strada l’ipotesi che possa trattarsi di un omicidio legato alla criminalità organizzata, alla mafia.

La modalità del delitto, infatti, è da professionisti. Almeno due persone hanno freddato il 39enne da dietro il bancone, con grande precisione. Gli assassini non sembrano aver lasciato tracce, visto che sono fuggiti prendendo il furgone della vittima, ritrovato qualche ora dopo abbandonato nelle campagne vittoriesi. Erano conoscenti di Turi Mazinga? Oppure sono andati lì soltanto per “eseguire” e sparire? E, soprattutto, come sono arrivati sulla provinciale? A piedi, o un altro complice li ha aspettati in un’auto diversa?

Domande ancora senza risposta. Che Turi Mazinga abbia in qualche modo dato fastidio a quegli ambienti? Oppure era invischiato in qualche affare poco pulito, nonostante fosse incensurato?

Da qualche ora, inoltre, si fa strada l’ipotesi che l’omicidio Nicosia sia in qualche modo legato all’arresto di un altro incensurato, tale Salvatore Brancato detto “u tedesco”, trovato in possesso di un kg di marijuana dentro un deposito di autoveicoli sulla Vittoria-Gela. Il delitto Nicosia è avvenuto qualche giorno dopo l’arresto di Brancato. Che i due fatti siano in qualche modo collegati? C’entra il mondo dei commercianti dei pezzi di ricambio usati per gli autoveicoli?

Ci sarebbe anche un’altra ipotesi, emersa in queste ore: all’interno del territorio ipparino potrebbe essersi formato un gruppo autonomo dalle tradizionali cosche mafiose dedito ad affari poco leciti. Che qualcuno possa aver dato fastidio alla criminalità organizzata? Una sorta di battaglia per il territorio?

Naturalmente, si tratta di ipotesi, l’ultima parola spetta agli inquirenti che dovranno fare piena luce su un caso che si sta presentando più complicato del previsto. Il posto in cui è avvenuto l’omicidio Nicosia, tra l’altro, è privo di telecamere. Si stanno scandagliando, in queste ore, i tabulati telefonici della vittima, visto che i familiari non hanno saputo dare nessuna testimonianza utile alle indagini.

Irene Savasta

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+