Cronaca Ragusa 17/09/2016 13:29 Notizia letta: 3201 volte

Furti e spaccio, arrestato Cristian Basile

E' un 26enne noto alle forze dell'ordine
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/17-09-2016/furti-e-spaccio-arrestato-cristian-basile-420.jpg

Ragusa - I Carabinieri della Compagnia di Ragusa hanno arrestato Cristian Basile di 26 anni, pregiudicato ragusano, vecchia conoscenza delle Forze dell’Ordine che, negli anni passati, si era reso protagonista di numerosi reati, venendo più volte arrestato per reati contro il patrimonio, in prevalenza furti in danno di esercizi commerciali, rapina impropria, spaccio di stupefacenti ed evasione dal regime degli arresti domiciliari.
Il BASILE, nonostante la giovane età, può annoverare una lunga lista di precedenti penali, avendo iniziato ben presto la sua carriera criminale, cominciando ad accumulare una lunga lista di denunce all’Autorità Giudiziaria, per una serie di piccoli furti ed episodi di spaccio di sostanze stupefacenti di vario tipo, oltre a varie segnalazioni per uso personale di tali sostanze, a dimostrazione di come i tossicodipendenti, spesso, per finanziare gli acquisti di droga per uso personale, diventino essi stessi spacciatori.
Il predetto anche quando, a seguito degli arresti in flagranza di reato patiti, ha potuto beneficiare del regime degli arresti domiciliari, ha dimostrato di non tener conto neanche di tale possibilità che gli veniva offerta poiché, più volte, veniva arrestato e denunciato per il reato di evasione e, in una circostanza, nonostante fosse sottoposto agli arresti domiciliari veniva sorpreso dai Carabinieri mentre tranquillamente portava a passeggio i suoi cani.
Da tutte le segnalazioni all’Autorità Giudiziaria scaturivano, ovviamente, altrettanto processi che si concludevano, regolarmente, con la condanna del BASILE.
Tali condanne, poi, venivano riunite in un unico provvedimento di cumulo pene, emesso dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Ragusa Dottor Gaetano Scollo, per cui il BASILE dovrà scontare una pena definitiva di cinque anni e mesi tre di reclusione.
Lo stesso, rintracciato dai Carabinieri, al termine delle formalità di rito, è stato associato presso la casa circondariale di Ragusa.

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1489060076-ecodep.gif