I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Venerdì 09 Dicembre 2016 - Aggiornato 09/12/2016 13:00 - Online: 635 - Visite: 41365221

 

18/09/2016 20:05

Notizia letta: 4245 volte

Povero il mio carrubo, malato

Riceviamo e volentieri pubblichiamo

Povero il mio carrubo, malato Povero il mio carrubo, malato Povero il mio carrubo, malato
 
 

Scicli - Da diversi mesi a questa parte un nuovo fenomeno sta interessando le campagne sciclitane (e non molto oltre, a quanto se ne sa). I carrubeti tanto cari e tanto diffusi nel nostro paesaggio sembrano essere sotto un invisibile attacco di una qualche fitopatia e si stanno ammalando, alcuni seriamente.
Mentre nei mesi scorsi, quando il fenomeno era già sicuramente presente, ma non così diffuso, la cosa non ha destato alcun particolare allarme, anche per via della poca attenzione che si riserva a questa pianta durante l’anno, da un mese a questa parte, periodo della pulizia degli alberi e della raccolta delle carrube, gli addetti ai lavori hanno iniziato a notare le prime stranezze e ad imputare questi improvvisi ingiallimenti della chioma degli alberi non alla siccità ma a qualcos’altro. Proprio negli ultimi giorni le segnalazioni formali e informali alle autorità competenti cominciano a fioccare. Anche se è ancora presto per fare allarmismo.

La prima segnalazione è partita subito dopo ferragosto e un primo sopralluogo ufficiale, con esami visivi, documentazione fotografica e prelievo di campioni di materiale è stato effettuato alla fine di agosto da funzionari dell’apposito servizio dell’Osservatorio regionale per le malattie delle piante di Acireale. Epicentro approssimativo del fenomeno è stato fissato tra le contrade Guarnieri, Gerrantini e Piani, con un raggio di circa 5 kilometri, anche se esistono casi sparsi anche nel resto del territorio.
La conseguenza visiva finale della malattia è l’ingiallimento di buona parte dell’apparato aereo della pianta e il successivo seccume, del legno come delle foglie. Sembra, a un primo esame, che si tratti dell’azione di un insetto (esclusa già a prima vista la natura virale, batterica o fungina) di piccole dimensioni, che nello stadio precedente, a livello dei rami intermedi e finali dell’apparato aereo, “punge” e buca la corteccia, “ricamandola” addirittura, in alcuni casi arrivando in profondità, con fuoriuscita mielosa e di materiale linfatico della pianta.

La faccenda è quindi in mano per il momento a questo ufficio della regione demandato ad analisi e studi. Dai quali si attendono le prime sommarie e certamente non esaustive risultanze nelle prossime settimane.

Giuseppe Spadaro

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+