I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Venerdì 09 Dicembre 2016 - Aggiornato 09/12/2016 00:07 - Online: 548 - Visite: 41353937

 

20/09/2016 17:15

Notizia letta: 2211 volte

Arianna Occhipinti, anatema contro chi sporca

'vittoriacittàpulita'

Arianna Occhipinti, anatema contro chi sporca
 
 

Vittoria - Giorni di vendemmia ma anche di rabbia per Arianna Occhipinti, la giovane produttrice di vino di Vittoria famosa nel Mondo per la sua intraprendenza da viticultrice. Di lei si è occupato anche il New York Times, la sua storia di produttrice di vino di successo l'ha raccontato ai giovani radunati in Piazza San Giovanni per il concerto del Primo maggio a Roma. Dalla sua pagina di Facebook ha lanciato il suo anatema contro chi sporca il territorio con l'hashtag 'vittoriacittàpulita'.

"Non ce la faccio più a vedere - scrive Arianna Occhipinti - il mio territorio devastato dalla spazzatura: ogni angolo, ogni ciglio di strada, di fronte una vigna, di fronte un campo di grano, di fronte un giardino, di fronte lo sguardo disarmato di chi ama questa terra. Mi sono sempre chiesta se parlare male del mio territorio fosse controproducente, io che su questa terra faccio vino, città di questa meravigliosa Sicilia che evoca sole, mare, ulivi, case di pietra e agricoltura. Ebbene ora qui la situazione è insostenibile, agricoltori che abbandonano, pecorai che conquistano terre, bruciando tutto, rompendo quei pochi muretti a secco ancora rimasti, cittadini incivili che scaricano immondizie, dentro e fuori città, calcinacci, plastica, polistirolo, elettrodomestici in discariche a cielo aperto e sui cigli delle strade, bottiglie che escono dai finestrini. Reti di materassi a chiudere il contorno delle case, come fossimo mandrie di pecore".

"Questi luoghi - conclude Arianna Occhipinti - sono stati distrutti da gente che non ama, che non vede, che non respira, che non ridarà mai ai suoi figli, una terra migliore di come l'hanno trovata. Aiutiamoci insieme a ripulirci, a ripulire".

Redazione

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+