I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Domenica 04 Dicembre 2016 - Aggiornato 04/12/2016 13:13 - Online: 375 - Visite: 41171889

 

21/09/2016 10:44

Notizia letta: 6707 volte

Olio IGP Sicilia: la prima bottiglia è prodotta dai Frantoi Cutrera

Oro verde chiaramontano

Olio IGP Sicilia: la prima bottiglia è prodotta dai Frantoi Cutrera Olio IGP Sicilia: la prima bottiglia è prodotta dai Frantoi Cutrera Olio IGP Sicilia: la prima bottiglia è prodotta dai Frantoi Cutrera
 
 

Chiaramonte Gulfi - Per una di quelle strane coincidenze del destino, la prima bottiglia di olio IGP Sicilia è chiaramontana. Così come lo era stata la prima bottiglia di Olio DOP Monti Iblei. Ed è sempre targata Frantoi Cutrera. Il 19 settembre si è svolta all'Hotel Sheraton di Palermo una conferenza aperta sull'avvenuto riconoscimento del marchio IGP Sicilia per l'olio siciliano.

C'erano proprio tutti: il Commissario all'agricoltura Phil Hogan, il Sottosegretario di Stato all'agricoltura, Giuseppe Castiglione, il Vice Presidente del Parlamento Europeo, Mairead McGuinnes e il Deputato Europeo Giovanni La Via. A fine serata, è stata ufficialmente presentata la prima bottiglia Magnum da 1,5 litri di Olio IGP Sicilia. Ed è stato Salvatore Cutrera a consegnare nella mani di Phil Hogan il prestigioso oro verde. Poi, Hogan ha firmato il certificato della IGP.

"Nel 1999 siamo stati i primi a produrre una bottiglia di Olio DOP Monti Iblei. Oggi, nel 2016, la storia si ripete", sorride Salvatore Cutrera. Insieme a Cutrera, c'era anche Maurizio Lunette, presidente del comitato promotore IGP. Ma quali sono i vantaggi di avere oggi un riconoscimento IGP per l'olio siciliano? Cutrera, spiega: "Fermo restando che la DOP è sempre un gradino più in alto, la IGP permette di identificare tutto l'olio siciliano sotto un'unica sigla. E' come se gli desse un nome e un cognome. E' un passo fondamentale. In questo modo, tutte le varietà autoctone siciliane, tutte le cultivar, possono fregiarsi del marchio IGP Sicilia ed essere competitivi in Europa".

Irene Savasta

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+