Lettere in redazione Ragusa 21/09/2016 11:23 Notizia letta: 1996 volte

Ragusa prima in Italia per aumento ore autorizzate cassa integrazione

Parla il Segretario territoria Uiltec, Giuseppe Scarpata
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-09-2016/ragusa-prima-in-italia-per-aumento-ore-autorizzate-cassa-integrazione-420.jpg

Ragusa - Con 412 mila ore autorizzate di cassa integrazione ordinaria, speciale e in deroga, nei primi 7 mesi dell’anno in corso, Ragusa si attesta al quinto posto tra le province italiane con gli incrementi più significativi per interventi Inps.

Il periodo che prende in esame il 7 rapporto Uil per primi sette mesi del 2016, confrontato con il medesimo del 2015, mostra una riduzione sensibile delle ore di cassa integrazione in regime ordinario, a fronte di un aumento smisurato (193.000 ore, +5.417%)) per quella straordinaria. La cassa in deroga è anch’essa in aumento rispetto al 2015, con incrementi del 216%.

Ragusa, dunque, è prima in Italia per crescita ore di cassa integrazione straordinaria autorizzate dall’Inps da gennaio a luglio 2016 rispetto allo stesso periodo del 2015. Ricordiamo che la cassa speciale spetta nei casi di ristrutturazione, riorganizzazione, riconversione aziendale e crisi aziendale, solo quando sussistano prospettive di continuazione o di ripresa dell'attività e di salvaguardia, anche parziale, dei livelli di occupazione. Dunque la CIGS interviene per far fronte a una crisi strutturata dell’azienda.

Tra giugno e luglio, in provincia, si assiste ad una vistosa contrazione della cassa integrazione ordinaria nell’industria, nell’edilizia così come nell’artigianato. Sembrerebbe invece il commercio il settore che, più di tutti, registra ancora difficoltà legate a un mercato sempre più volatile, imprevedibile.

Un calo, quello delle ore autorizzate per la gestione ordinaria e in deroga, strettamente fisiologico e riconducibile al periodo estivo. Difficile, viceversa, sostenere che la riduzione di richieste di cassa integrazione ordinaria sia attribuibile ad una ripresa del tessuto produttivo ed industriale del territorio o a una maggiore responsabilizzazione delle imprese nell’utilizzo dello strumento di sostegno al reddito per i propri addetti. Quel che possiamo affermare, piuttosto, è che grazie allo specifico ammortizzatore sociale sono stati salvati in provincia alcune centinaia (200, almeno) di posti di lavoro.

 I dati risentono certamente della riforma dell’istituto della CIG, iniziata con la Legge 92/12 che ha previsto la completa scomparsa della cassa in deroga dal prossimo gennaio 2017, con forte contrazione dei tempi di richiesta e delle risorse disponibili, sia di quella più recente contenuta nel Jobs Act.

L’effetto "restrittivo" dei nuovi criteri di autorizzazione INPS, sia per la cassa ordinaria che per quella straordinaria, è stata un’arma dal taglio doppio che penalizza aziende e lavoratori. Infatti, con il Jobs Act non solo si limita la durata temporale della cassa integrazione (massimo 2 anni per cigo e cigs), restringendo anche i parametri che consentono l'autorizzazione, ma la cosa che ci preoccupa e non poco è che il costo del lavoro aumenta per le imprese in maniera significativa –per congiunture avverse, anche temporanee- con il rischio che, in molti casi, le aziende trovandosi in difficoltà per i nuovi criteri di attribuzione degli ammortizzatori sociali da parte dell’INPS, in periodi di crisi, anche transitorie, optino per la scorciatoia della riduzione del personale.

Peppe Scarpata