I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Sabato 03 Dicembre 2016 - Aggiornato 03/12/2016 15:07 - Online: 600 - Visite: 41140015

 

13/10/2016 12:57

Notizia letta: 2515 volte

I pescatori di frodo del Plemmirio e le Iene. VIDEO.

Girato a giugno

I pescatori di frodo del Plemmirio e le Iene. VIDEO.  
 

Siracusa - E' andato in onda su Italia 1 un servizio girato a Siracusa, sulle sponde della riserva marina protetta del Plemmirio. Nella riserva, non solo è vietato pescare, ma è vietato pure nuotare. I pescatori di frodo, però, con il favore della notte, violano questo confine naturale, in barba alle leggi. La GdF, la Guardia Costiera e i volontari di Sea Shepherd cercano di arginare il fenomeno. Sea Shepherd, è un'organizzazione che si batte per la difesa del mare, come ad esempio impedendo la caccia alle balene. Qui, da noi, cercano di far rispettare le regole della pesca: non si possono usare le reti lunghe e nemmeno le bombe, come spesso accade.

Il punto è questo: non si possono pescare i ricci a maggio e a giugno. Tantomeno in un'area marina protetta come quella del Plemmirio. Punto. Dura lex, sed lex. Tutto il resto delle giustificazioni sono solo un'enorme bolla di fallacie logiche. "Si ma i ristoranti acquistano...", "Si, ma i poveracci che vendono al porto che c'entrano...". Giustificazioni. Per far tacere la coscienza. Prima di tutto, non è vero che tutti i ristoranti acquistano i ricci durante il periodo del fermo biologico. Alcuni purtroppo lo fanno. Altri, no. Così come non acquistano il neonato e il tonno. Ed è vero che spesso i pescatori che vendono al porto non navigano certo nel lusso, lo fanno per guadagnare qualche soldo e tirare avanti. 

Ma sanno, eccome, che la vendita dei ricci durante quei due mesi è vietata. Altrimenti, perchè avrebbero reagito in quel modo assurdo e incivile con la Iena Pasca? Se questo servizio, andato in onda su Italia 1 e girato a giugno, ha avuto un pregio, sicuramente è stato quello di aver fatto riflettere. E prendere a sediate e a pugni una troupe televisiva e un volontario di un'organizzazione come Sea Shepherd, è indegno. Da qualunque prospettiva si guardi la cosa. E' un po' come quando Zidane diede la testata a Materazzi durante la finale dei mondiali del 2006. "Si, ma Materazzi l'ha provocato...". E allora? La provocazione verbale è un buon motivo per aggredire fisicamente le persone? I pescatori, così come altre categorie professionali hanno già fatto, devono prendere atto di una cosa: il mondo è cambiato. Il mare è cambiato. Oggi, l'esigenza è quella di tutelare alcune specie, per evitarne l'estinzione.


 

le iene from Ragusanews on Vimeo.

Irene Savasta

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+