I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Mercoledì 07 Dicembre 2016 - Aggiornato 07/12/2016 19:06 - Online: 608 - Visite: 41292667

 

20/10/2016 18:13

Notizia letta: 212 volte

Schiaparelli si schianta su Marte: Teti (Esa), un mistero

Schiaparelli si schianta su Marte: Teti (Esa), un mistero
 
 
Roma, 20 ott Potrebbe essere stato il paracadute che si e' sganciato troppo presto a innescare quella catena di anomalie che ha portato la sonda Schiaparelli a schiantarsi sul suolo marziano. Nonostante le ricostruzioni e le anticipazioni che sono filtrate in giornata, e' ancora poco chiaro quanto sia avvenuto durante quell'ultimo minuto della discesa della sonda su Marte. 'Abbiamo una gran mole di dati da analizzare. Prima di arrivare a una conclusione definitiva o, almeno, prima di arrivare a ricostruire una sequenza degli eventi plausibile, sara' necessario valutare con attenzione quei dati nella loro interezza', dice all'Agi Daniele Teti, ingegnere aerospaziale dell'Esa che si occupa del controllo e della progettazione dei sistemi meccanici a bordo della sonda e a bordo dell'orbiter TGO. Il responsabile del controllo delle operazioni dell'Esa, Paolo Ferri, questa mattina, aveva lasciato intendere pero' che il giallo in merito al destino di Schiaparelli fosse risolto. La sonda si e' schiantata, aveva detto in un'intervista, perche' il computer avrebbe ordinato ai motori di spegnersi molto prima del previsto, e cioe' a una quota incompatibile con un atterraggio che avrebbe lasciato incolume la sonda. 'Ferri e' uomo di grande esperienza ha spiegato Teti ed inoltre e' al centro delle operazioni. Se si e' lasciato andare a questo tipo di conclusioni, e' evidente che ha avuto le sue ragioni, tuttavia ci sono molte questioni da chiarire'. Resta da chiarire come mai il computer di bordo abbia dato ai motori l'ordine di spegnersi. 'Le ipotesi sul campo ha detto Teti sono diverse. Potrebbe trattarsi di un problema di software che non e' stato in grado di gestire le informazioni che arrivavano dai sensori di bordo. Oppure potrebbero essere stati gli stessi sensori a fornire al computer informazioni sbagliate che hanno indotto in errore. Poi ci sono i fattori ambientali e le tempeste di sabbia presenti nell'area dell'atterraggio che potrebbero aver influito'. Intanto qualche informazione sembra essere chiara, e cioe' che a circa 50 secondi dall'orario previsto per l'arrivo sul suolo marziano qualche cosa e' cominciato ad andare storto. 'Quello che abbiamo avuto modo di vedere ha detto Teti e' che le anomalie o meglio, le discrepanze tra i dati rilevati dalla telemetria di bordo e trasmessi a Terra attraverso l'orbiter TGO, cominciano a divergere da quelli attesi dal piano di volo, nella fase immediatamente precedente all'accensione dei retrorazzi. Sembra che i dati inizino a divergere al momento dello sganciamento del paracadute, o meglio che lo sganciamento del paracadute sia avvenuto troppo presto rispetto a quanto prestabilito'. Troppo presto significa che la quota e la velocita' della sonda erano molto diverse da quelle previste dal piano di volo inserito nel computer di bordo e che poi il computer non e' stato in grado di effettuare le dovute correzioni. 'Le ipotesi ha concluso Teti sono davvero molte, aspettiamo di vedere i dati. L'importate pero' e' che nostante oggi qui in Esa ci sia una certa amarezza, non si perde di vista una cosa essenziale e cioe' che mentre Schiaparelli e' solo un dimostratore che ci serviva per valutare in concreto le diccolta' di un atterraggio su Marte, il vero obiettivo, indispensabile per il buon esito del lancio del rover nel 2020, e' stato pienamente conseguito perche' la TGO e' in orbita e funziona perfettamente'. .

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+