Economia Palermo 26/10/2016 12:56 Notizia letta: 6 volte

Pmi Sicilia, Umberto Terenghi confermato alla presidenza

Già vice presidente regionale
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-10-2016/pmi-sicilia-umberto-terenghi-confermato-alla-presidenza-420.jpg

Palermo - Umberto Terenghi, già vice presidente regionale di pmiSicilia, è stato confermato alla guida della sezione provinciale di Palermo. Il rinnovo delle cariche è avvenuto nel corso della giunta regionale di pmiSicilia svoltasi presso il Centro Direzionale delle Imprese a Comiso. Della giunta provinciale di Palermo, della quale è presidente onorario Marcello Candela, fanno parte: Angelo Barone, Giuseppe Di Giovanna, Giuseppe Spera, Valeria D'Aquila (vice presidente), Giulio Hassan, Gaetano Polizzi, Vito Mormino, Luigi Calò ed Ernesto Bisanti (vice presidente).

Su proposta del presidente, inoltre, sono state assegnate le deleghe per alcuni settori strategici su cui pmiSicilia intende muoversi. Nello specifico Giuseppe Di Giovanna si occuperà del settore edilizio, Giuseppe Spera della cultura d'impresa, Gaetano Polizzi delle aree industriali, Vito Mormino delle energie rinnovabili, Angelo Barone dei rapporti sindacali e Luigi Calò della Consip e mercato elettronico.

“Con questa nuova squadra – dichiara il presidente Terenghi – rilanciamo con forza l'azione di pmiSicilia nel territorio di Palermo e provincia. Ringrazio il gruppo di imprenditori, molti dei quali provenienti da altre associazioni di categoria, che hanno sposato la nostra mission e condiviso le linee guida del nostro modo di fare associazionismo imprenditoriale in un contesto, quale quello odierno, che vede sempre di più una scarsa rappresentatività della piccola e micro impresa nei tavoli sindacali ed istituzionali”.
“Voglio augurare un buon lavoro alla nuova pmiSicilia Palermo – aggiunge il presidente regionale Roberto Biscotto - . Con rinnovato entusiasmo andiamo avanti sforzandoci di rappresentare al meglio tutte quelle PMI che vogliono combattere concretamente i tanti problemi che ancora sussistono in questo settore strategico per l'economia regionale, promuovendo una nuova cultura d'impresa che sia al passo con i tempi e consapevole che senza innovazione oggi non si può più andare avanti”.
 

Redazione