I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Venerdì 09 Dicembre 2016 - Aggiornato 09/12/2016 00:07 - Online: 466 - Visite: 41346421

 

08/11/2016 10:10

Notizia letta: 1794 volte

Abbattimento Tari e Tosap. Un privilegio per pochi

Una buona scelta, ma per pochi

Abbattimento Tari e Tosap. Un privilegio per pochi
 
 

Ragusa - “La scelta dell’esenzione per tre anni della Tari per chi ristruttura la propria abitazione o ne acquista una e anche della Tosap per le nuove attività è ottima. Peccato sia applicata solo all’area del centro storico compresa nel quadrilatero tra via Salvatore, via Mario Leggio, corso Italia e via Mariannina Coffa, rendendola sostanzialmente una sorta di privilegio”. Lo dichiara Alessandra Sgarlata, del direttivo del Laboratorio politico 2.0.


“Questa decisione – commenta – basta a far comprendere qual è l’idea di centro storico che possiede l’Amministrazione Piccitto. Una visione un po’ chiusa, a recinto, che dimentica che il centro storico di Ragusa è ben più ampio del perimetro indicato dall’Amministrazione, generando differenze tra cittadini e attività commerciali di serie A e B. Buona l’idea iniziale che mira a incentivare il commercio o il tessuto abitativo, pessima la messa in pratica”.

“Il centro storico di Ragusa superiore è assai più ampio dei limiti fissati da Piccitto – continua Sgarlata – da via Garibaldi alla fine di corso Italia, da piazza del Popolo fino alla rotonda Maria Occhipinti. E quest’area è frequentata, abitata ogni giorno e non ci si può concentrare solo sulla realizzazione di manifestazioni nella parte più centrale di questa. A parer nostro si è persa un’occasione per invogliare davvero i cittadini a ristrutturare le abitazioni o ad aprire nuove attività commerciali. Anzi, i ragusani vengono tartassati da bollette raffazzonate, consegnate, come sta succedendo in questi giorni per la Tari, insieme a un bollettino postale”.

“Quindi – dice ancora l’esponente del Lab 2.0 – non solo i cittadini devono pagare una tassa, ma devono anche aggiungere la commissione per l’operazione postale. Ci chiediamo che fine abbia fatto la modalità di pagamento con il tradizionale F24”.

“Passa il tempo, ma il giudizio negativo nei confronti dell’amministrazione a 5 stelle di Ragusa non fa che peggiorare perché – conclude – dovevano portare un vento di novità che non riusciamo a percepire. Dopo più di tre anni, quest’esperienza di governo cittadino non può avere più alcun alibi. Il tempo a loro disposizione è praticamente terminato e adesso serve agire in difesa di una comunità che merita il meglio”.

Redazione

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+