I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Lunedì 05 Dicembre 2016 - Aggiornato 05/12/2016 17:24 - Online: 651 - Visite: 41200546

 

12/11/2016 16:33

Notizia letta: 2074 volte

I cantastorie siciliani in un film di Gian Paolo Cugno

Dal 10 novembre al cinema

I cantastorie siciliani in un film di Gian Paolo Cugno
 
 

Vittoria - Giovanni Virgadavola, ultrasettantenne vittoriese, collezionista di carretti e uno degli ultimi cantastorie siciliani, è uno dei protagonisti del film di Gian Paolo Cugno 'I cantastorie' dal 10 novembre nelle sale italiane. Ieri sera nell'ambito delle iniziative collaterali della Fiera Emaia vi è stata l'anticipazione del film, su iniziativa di Giuseppe Gambina, con la presenza del regista e dello stesso Virgadavola. "E' un film allegorico - ha rivelato il regista siciliano apprezzato per la sua opera prima 'Salvatore. Questa è la libertà' - dove sullo sfondo di una vicenda familiare amara si punta a rivitalizzare la figura del cantastorie. Nel mio film non c'è una rappresentazione della Sicilia folcloristica o di una Sicilia fatta di luoghi comuni ma la rivisitazione di una figura, come quella dei 'Cuntastorie', che ha un valore storico ed etnografico. Ed in questo senso Giovanni Virgadavola è stato superlativo".

Il 'contadino' vittoriese non ha interpretato solo se stesso ma si è cimentato come attore (interpreta lo zio del protagonista Davide Coco) aiutando il nipote a riscoprire sé stesso e le proprie radici con grande caparbietà e ad adattarsi ad un dramma così terribile come quello del moderno fallimento economico. "Recitare per il grande schermo - dice Giovanni Virgadavola - è un'emozione unica ma consente di far conoscere alle nuove generazioni una figura ormai tramontata come quella dei 'cuntastorie' che ha un fascino emotivo ed affabulatorio non indifferente e un sapore lirico sublime".

Redazione

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+