I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato 09/12/2016 19:54 - Online: 253 - Visite: 41394323

 

13/11/2016 14:52

Notizia letta: 1847 volte

Pozzallo rivive la sua storia. VIDEO

L'iniziativa dell'associazione I Vaniddari

Pozzallo rivive la sua storia. VIDEO Pozzallo rivive la sua storia. VIDEO
 
 

Pozzallo - Rievocazione storica ieri sera a Pozzallo del soccorso che la città  fornì agli abitanti e ai Cavalieri di Malta in occasione dell’assedio dei Turchi dal 25 maggio al 7 settembre del 1565. Un simbolico collegamento alla festa nazionale dell’8 settembre a Malta dove viene celebrata la liberazione dal “Grande assedio”.

Una pagina di storia che vide protagonista Pozzallo e la sua Torre. I libri di storia riferiscono che “Andrea Provana, comandante delle galee del Duca di Savoia ruppe il blocco nemico ma non riuscì a sbarcare per portare aiuto al Gran Maestro dei Cavalieri di Malta, J. de la Valette. Giunse allora in Sicilia e fece capo di nuovo a Pozzallo una grossa squadra navale (il “Gran Soccorso”), composta di galee del Viceré di Sicilia, Don Garsia di Toledo Comandante Generale, del vicereame di Napoli, del Granduca Cosimo di Toscana, del Duca di Savoia, degli armatori genovesi al soldo della Spagna”.
La spedizione navale , si legge nell'Istoria della Sacra Religione et Ill.ma milizia di San Giovanni Gierosolimitano di Iacomo Bosio,
“partita da Pozzallo e giunta vicino all’isola, il 6 settembre riuscì a sbarcare nella baia di Melleha un notevole rinforzo di uomini, munizioni e viveri. Nella difesa della loro patria i Maltesi a fianco dei Cavalieri di Malta diedero prova di straordinario eroismo, ma anche al fortunato arrivo dei rinforzi si deve l’abbandono dell’assedio da parte di Mustafà Pascià”.

 

Redazione

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+