I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Mercoledì 07 Dicembre 2016 - Aggiornato 07/12/2016 19:06 - Online: 609 - Visite: 41292669

 

20/11/2016 11:58

Notizia letta: 929 volte

Tribunale, la scarpa stretta, e il piede che duole

C scrive l'avvocato Scarso

Tribunale, la scarpa stretta, e il piede che duole
 
 

Ragusa - A proposito delle struttura giudiziaria di Ragusa
Mutuando una felice immagine del filosofo e pedagogista statunitense, John Dewey, l'inverecondo problema della struttura giudiziaria di Ragusa è come il piede che duole perché la scarpa è stretta.
Questa riflessione mi rafforza nella mia legittima battaglia perché la struttura giudiziaria di Modica, per le note (per ora per noi lontane, per fortuna) vicende sismiche, debba essere con urgenza adibita a sede del Tribunale di Ragusa.
Mi spiego meglio.
Quale parametro di lettura anticipo che il “piede che duole” è il pericolo di un evento sismico in territorio ibleo e la “scarpa stretta” è la struttura giudiziaria di Ragusa.
Sebbene spossa sembrare monotono, non è inutile, anzi è utilissimo ricordare che viviamo, in uno alle nostre famiglie e figli ed amici ed istituzioni, in un territorio a forte pericolo sismico, perché così siamo indotti e costretti a riflettere sulle nostre omissioni e perciò stesso sulle nostre responsabilità (chi ha orecchie e coscienza, intenda).
Da ciò discende che la prevenzione, nei modi e nei tempi possibili, a breve o medio o lungo termine, è un dovere civile, sociale, etico, giuridico ed istituzionale.
Ordunque, non è possibile, checché se ne dica, adeguare la struttura giudiziaria di Ragusa nei modi previsti dalle leggi antisismiche e comunque in tempi rapidi come qualunque pericolo immanente, che chiamasi emergenza, imporrebbe. Sicché, non intervenire con tempestività significherebbe coltivare quotidianamente il pericolo di un disastro nella immanente prospettiva di tragiche conseguenze.

La soluzione, possibile e realistica, tenuto conto della rigorosa (!) norma di invarianza finanziaria, sarebbe trasferire l'attività giudiziaria presso la struttura di Modica, la cui originaria destinazione d'uso giudiziario ad oggi è rimasta immodificata per ragioni finanziarie.
Qui permettetemi di richiamare una recente esperienza di confronto, sullo specifico tema, con un alto funzionario ministeriale. Non è sorta questione sulla realtà del pericolo sismico, che era ammesso e non contestato (come potrebbe sostenersi diversamente?), ma una opposta e contrastata opinione ci ha diviso in merito allo strumento giuridico da adottare per eliminarlo o comunque per contenerlo. L'illustre interlocutore sosteneva che per trasferire la sede dl Tribunale di Ragusa presso la struttura giudiziaria di Modica, sarebbe necessario un provvedimento legislativo; io invece sostenevo, e sostengo, che per ragioni di urgente prevenzione da immanente pericolo è sufficiente un decreto ministeriale. La differenza sta nei tempi: il provvedimento legislativo è di lungo termine, il provvedimento amministrativo, come è il decreto ministeriale, è di immediata emanazione.
Ebbene, la replica del funzionario è stata la seguente: “Avvocato, ma se non succede qualcosa di concreto, ...uno smottamento ... una breccia...qualcosa del genere, non si può adottare un urgente decreto ministeriale”. In parole povere: se il pericolo non si concretizza in un evento rovinoso (leggasi disastro sismico) e non si contano conseguenze dannose (ad uomini e/o a cose), non si può intervenire con decretazione d'urgenza.

Che prevenzione è mai questa, per cui per potere prevenire un disastro sismico annunciato (come ce lo deve dire Madre Natura se non con quanto sta accadendo di questi tempi?) si devono prima contare vittime e danni ?
In definitiva, dovremmo tenerci il piede che duole, cioè il pericolo immanente di un disastro, perché non si saprebbe (?) come cambiare, con l'urgenza dettata dalla prevenzione, la scarpa stretta, cioè la struttura giudiziaria del Tribunale di Ragusa.
E' inutile e molto pericoloso tergiversare: per eliminare il dolore al piede va cambiata la scarpa stretta. E con urgenza, come prevenzione esige.

Carmelo Scarso

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+