I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy   -   OK

Notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Ragusanews.com, notizie della provincia di Ragusa e di Sicilia: Ragusa, Vittoria, Modica, Comiso, Scicli, Pozzallo, Ispica

Lunedì 05 Dicembre 2016 - Aggiornato 05/12/2016 17:24 - Online: 673 - Visite: 41200673

 

21/11/2016 17:30

Notizia letta: 126 volte

Teatro: al Libero 'Vania', tratto dal romanzo di Cechov

Teatro: al Libero 'Vania', tratto dal romanzo di Cechov
 
 
PALERMO, 21 NOV "Vania" tratto dal romanzo di Cechov, idea e regia di Stefano Cordella, andrà in scena al Teatro Libero giovedì prossimo alle ore 21.15 (in replica sino a sabato 26 novembre). Una drammaturgia collettiva con Francesca Gemma, Vanessa Korn, Fabio Zulli; luci di Marcello Falco, costumi e realizzazione scene di Stefania Corretti e Maria Barbara De Marco; una produzione Compagnia Oyes Milano.
    La rilettura che Cordella fa del testo russo "Zio Vanja" di Anton Cechov riflette, come uno specchio, la nostra società ferma e immobile nelle sue frustrazioni. "Una società dove, spesso, una sorta di limbo raccoglie e accoglie chi è troppo vecchio per rifiorire e troppo giovane per morire, spiega il regista dove la maggior parte dei trentenni vagano senza meta, si aggrappano al passato e guardano al futuro con occhi disillusi". "Il mio proposito specifica Cordella è quello di raccontare, attraverso i personaggi del dramma russo, le paure, il senso di vuoto, la difficoltà di sognare che contraddistinguono i nostri tempi".
    La vicenda si svolge in un paesino di provincia, il professore vive attaccato ad un respiratore artificiale con conseguenze tragicomiche sul resto della famiglia. Anche qui come nello "Zio Vanja" i personaggi sono insoddisfatti della loro vita, e davanti alla possibilità di cambiamento e rinnovamento si trovano a fare i conti con i freni che essi stessi operano.
    "I nostri personaggi osserva il regista sentono di non vivere la vita che vorrebbero. Ma la spinta al cambiamento deve fare i conti con la paura di invecchiare, le rigidità, i sensi di colpa, il timore di non essere all'altezza. Il rischio è sopravvivere senza vivere".
   

Commenta la news

Per poter commentare i post devi essere registrato al sito di Ragusanews.com
Se sei già nostro utente esegui il Login nel form sottostante oppure registrati ora se non sei ancora registrato.
Se non ricordi più le tue credenziali di accesso clicca su recupera password.

La redazione di Ragusanews.com non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Ragusanews.com comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

+