Cronaca Chiaramonte Gulfi 03/12/2016 12:42 Notizia letta: 7965 volte

Il Mulino Soprano di Chiaramonte distrutto da un incendio

I titolari sono costernati
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-12-2016/il-mulino-soprano-di-chiaramonte-distrutto-da-un-incendio-420.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-12-2016/1480765984-1-il-mulino-soprano-di-chiaramonte-distrutto-da-un-incendio.jpg&size=891x500c0
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-12-2016/1480765984-2-il-mulino-soprano-di-chiaramonte-distrutto-da-un-incendio.png&size=562x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-12-2016/il-mulino-soprano-di-chiaramonte-distrutto-da-un-incendio-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-12-2016/1480765984-1-il-mulino-soprano-di-chiaramonte-distrutto-da-un-incendio.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-12-2016/1480765984-2-il-mulino-soprano-di-chiaramonte-distrutto-da-un-incendio.png

Chiaramonte Gulfi - Il Mulino Soprano di Chiaramonte è stato completamente distrutto da un incendio.

C'è dolore e costernazione nelle parole dei titolari di uno dei mulini più antichi della zona. Francesco Distefano e la figlia Vanessa, gestiscono questa attività quasi unica: il Mulino Soprano, infatti, è uno dei pochi mulini a pietra alimentato ad acqua presenti nel nostro territorio. La sua struttura è antichissima e risale al 1882. La famiglia Distefano l'ha ereditata e da allora produce grani antichi siciliani, contribuendo alla riscoperta di questi frumenti oggi così importanti.

Un incendio scoppiato domenica scorsa ha completamente distrutto la macina e la sala lavorazione. Oggi, restano solo macerie.  Sono rimaste agibili soltanto tre stanze ma da allora, il Mulino Soprano è rimasto fermo. C'è ancora odore acre d'incendio nell'aria, nonostante sia passata una settimana. 

"I vigili del fuoco non hanno saputo determinare se l'incendio sia stato d'origine dolosa o se sia scoppiato a causa di un corto circuito. Purtroppo, essendo una struttura in legno, non è rimasto nulla". Francesco Distefano, spiega: "Speriamo di poter riprendere la produzione nel giro di due o tre settimane. Cercheremo di ricavare un'area idonea nello spazio che non si è incendiato. Non sarà facile, ma ci proviamo. Siamo rimasti davvero senza parole".

Irene Savasta
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg