Cronaca Ragusa

Minaccia l'ex moglie con un coltello, allontanato dalla casa familiare

E' successo a Ragusa

Ragusa - Una signora si era chiusa in camera da letto terrorizzata perché il marito era in possesso di un grosso coltello da cucina ed urlava di volerla uccidere.

I due coniugi si erano prima separati e poi avevano deciso di coabitare nello stesso appartamento, ma i rapporti erano sempre molto tesi. Dopo essere tornati a vivere insieme le cose non erano cambiate, lui era sempre sgarbato ma poi era diventato violento. Continue le minacce e gli insulti e la donna non resiste più chiedendogli di andare via.
Nulla di fatto, lui dice che la casa è anche sua e non andrà via e comunque ha intenzione di distruggere tutto.
Dopo pochi minuti dalla segnalazione la polizia è intervenuta e ha sfondato la porta.

Considerate le gravi minacce subite ed il reato di maltrattamenti in famiglia, gli Ufficiali di Polizia Giudiziaria, adottavano uno dei nuovi strumenti messi a disposizione dalla novellata legge sui reati inerenti la cosiddetta “violenza di genere”, ovvero la misura pre-cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare.

Questa misura cautelare permette alla Polizia di adottare, in via d’urgenza e con il nulla osta del Pubblico Ministero, un provvedimento di allontanamento dall’abitazione nella quale vivono i due partner.
L’uomo è andato via da casa, consegnando le chiavi alla Polizia e non potrà farvi ritorno se non previa autorizzazione del Giudice.
 

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif