Attualità Chiaramonte Gulfi

Sebastiano Gurrieri scende in campo

Incontro con la cittadinanza

Chiaramonte Gulfi - “Dopo le speranze deluse facciamo ripartire la città”. Questo è lo slogan adottato dal candidato sindaco di Chiaramonte Sebastiano Gurrieri. Si è presentato ufficialmente alla città domenica sera durante un incontro a Bacchus Akrille. La sua coalizione si chiamerà Liberiamo la città. Della squadra, ancora non si sa nulla, è troppo presto. Ma Sebastiano Gurrieri non ha esitato a definirsi “allenatore” e la squadra che metterà in campo non sarà la Juventus, ma “l’Atalanta”. Parole sue.

C’erano circa 400 persone (500 secondo gli organizzatori). C’era tanta gente, senza ombra di dubbio. Per Sebastiano Gurrieri il nemico principale da battere è lui: l’attuale sindaco, Vito Fornaro. Complice anche un volantino fatto circolare al mattino dall’amministrazione, Gurrieri ha approfittato della ghiotta occasione servitagli su un piatto d’argento dall’attuale classe dirigente, per togliersi qualche sassolino dalle scarpe. Non ha esitato, infatti, a definirlo “un gradito regalo”. Ma si è parlato anche di punti programmatici durante l’incontro. “A Chiaramonte c’è un problema igienico-sanitario, rappresentato dai topi”.

E sui depuratori: “Secondo le nostre indagini private, abbiamo bisogno di 175 mila euro per risistemare i depuratori. E ricordo che un depuratore è sotto sequestro: un esposto è stato fatto da un’altra forza politica che ha denunciato la situazione”. La forza politica a cui si riferisce Gurrieri, è quella che fa capo a Gaetano Iacono che, tempo fa, denunciò lo stato del depuratore  di Piano Dell’Acqua  e la magistratura lo sequestrò. Gurrieri, poi, ha parlato di eventi e valorizzazione del territorio: “Perché Chiaramonte non è più protagonista? Noi che cosa proponiamo? La sagra del fungo. Nessuno mette in dubbio la bravura e la buona fede degli organizzatori ma dov’erano i prodotti tipici?”.

Sulla lista, invece, ancora non si sa nulla. Gurrieri, spiega: “Il programma e la presentazione della lista avverrà a gennaio. Non avremo persone di lungo corso. Sarà una squadra come l’Atalanta. Ma si gioca perché c’è un allenatore”. Poi, si parla di idee: “Vorrei coinvolgere l’illustre professor Calabrese per studiare una corretta alimentazione per i bambini dell’asilo. Inoltre, possiamo ottenere dei finanziamenti per i ragazzi con disagi che lavorano nel laboratorio di Damigella”.

Piazza Duomo:  non il gruppo facebook, ma quella reale. Gurrieri, infatti, dichiara: “Piazza Duomo oggi è morta. Invece dobbiamo rivalutarla”. Si parla anche di potenziare il PTE di Villaggio Gulfi  e di interventi per il campo sportivo. E sulle prime candidature, dichiara: “C’è una domanda di riserva? L’attuale sindaco si ricandida? Sta ritardando la sua decisione. Forse pensa di candidare un suo uomo, per esempio l’assessore Vargetto”. E poi, aggiunge: “Noi abbiamo potenzialità. Dobbiamo coinvolgere i vertici nazionali che si occupano di olio d’oliva e si potrebbe creare una sezione distaccata dell’agraria, oltre all’alberghiero”. Sulla cultura, spiega: “Si potrebbe creare un pool di studiosi per rivalutare le opere di Serafino Amabile Guastella e ciò potrebbe aiutarci ad ottenere i finanziamenti anche per il carnevale”.  Poi, conclude: “Io da sindaco sono stato un imprenditore. Metterò in campo una squadra di persone per bene”.
 

http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif