Cronaca Ragusa 13/12/2016 12:02 Notizia letta: 3246 volte

Tentato furto di carne in un'azienda ragusana

I ladri sono scappati
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/13-12-2016/tentato-furto-di-carne-in-un-azienda-ragusana-420.jpg

Ragusa - Grosso furto in un'azienda ragusana di lavorazione di carni. La polizia ha messo in fuga i malviventi che hanno fatto perdere le proprie tracce, nel buio della notte, nelle campagne circostanti, recuperando l’intera refurtiva consistente in circa 2000 Ieri, in piena notte, un dipendente di un istituto di vigilanza privata in servizio durante un giro di perlustrazione ha notato movimenti sospetti di persone presso una cooperativa di lavorazione di carni bovine dando tempestiva notizia alla sala operativa della Questura di Ragusa.

I malviventi, sicuramenti allertati per tempo da un complice che fungeva da palo, hanno notato l’arrivo delle forze dell’ordine e si sono dispersi tra le campagne circostanti, aiutati dal buio della notte. Le ricerche sono durate per ore attraverso i campi.
Sul posto i poliziotti hanno rinvenuto un furgone già carico con una grossa quantità di carni, tutte confezionate singolarmente, del peso totale di circa 2000 kg, trafugata appena pochi minuti prima dalle celle frigorifere interne alla ditta. I malviventi, dopo aver forzato una porta posteriore sono riusciti ad entrare nei locali e ad asportare il grosso quantitativo di carne, caricando il tutto su un furgone ormai pronto per la fuga.
Gli agenti sono riusciti ad individuare il responsabile della ditta che si è subito portato sul posto ritornando immediatamente in possesso della merce trafugata.

Gli ulteriori accertamenti hanno permesso di verificare che la targa del furgone carico di refurtiva era contraffatta e di fatto era un clone di un'altra targa appartenente ad un altro mezzo. Dalle verifiche disposte sul numero di telaio del mezzo è emerso che lo stesso era stato rubato qualche mese prima.

Sono al vaglio tutti gli elementi raccolti utili alle indagini e per l’individuazione dei responsabili.

 

Irene Savasta