Attualità Chiaramonte Gulfi 28/12/2016 11:45 Notizia letta: 191 volte

L'organo di Chiaramonte sarà restaurato

Il lavoro sarà eseguito da Antonio e Alessandro Bovelacci
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-12-2016/organo-chiaramonte-sarà-restaurato-420.jpg

  • Warning: getimagesize(http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-12-2016/1482922092-1-organo-chiaramonte-sarà-restaurato.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /web/htdocs/www.ragusanews.com/home/site_new/admin/libs/functions.php on line 547

    Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.ragusanews.com/home/site_new/admin/libs/functions.php on line 548
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-12-2016/1482922092-1-organo-chiaramonte-sarà-restaurato.jpg&size=0x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-12-2016/organo-chiaramonte-sarà-restaurato-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/28-12-2016/1482922092-1-organo-chiaramonte-sarà-restaurato.jpg

Chiaramonte Gulfi - 1680 canne di tre dimensioni: grandi, medie e piccolo e ognuno le ha potute “adottare” affinchè potessero avere inizio i lavori di restauro. E così è stato. L’iniziativa era stata lanciata dal parroco di Chiaramonte, Don Salvatore Vaccaro e adesso, l’organo della Chiesa Madre di Chiaramonte potrà di nuovo tornare a suonare grazie all’intervento di Antonio e Alessandro Bovelacci, maestri dell’arte organaria e ultimi allievi di Michele Polizzi di Modica, colui che grazie alla sua arte ha dotato le chiese siciliane di 127 strumenti.

L’organo della Chiesa Madre di Chiaramonte è stato costruito nel 1910, realizzato dalla ditta modicana dei fratelli Polizzi, allievi dei Serassi di Bergamo. Questo strumento è un prototipo utilizzato per costruire, successivamente, l’attuale organo di Siracusa i cui lavori di restauro sono terminati nel 2015. L’arcivescovo di Siracusa venne in visita durante una festa a Chiaramonte e s’innamorò del suono di quest’organo. Volle, per questo, lo stesso strumento per la cattedrale di Siracusa che infatti è stato costruito nel 1914.

In realtà un primo restauro dell’organo di Chiaramonte venne effettuato 10 anni fa: purtroppo, però, a causa delle infiltrazioni d’acqua provenienti dal tetto, il lavoro è stato rovinato. La cifra necessaria per il restauro è di 65 mila euro, comprensiva della copertura necessaria fra il tetto e le canne dell’organo per evitare le infiltrazioni d’acqua piovana.

Grazie alla generosità dei fedeli, è stato possibile raggiungere questo obiettivo. Ciascuno, infatti, ha potuto contribuire secondo le proprie possibilità: adottare una canna piccola (50 euro), una media (100 euro) e una grande (200 euro). Inoltre, ognuno ha potuto contribuire anche con 10 euro, mettendo questa cifra insieme alle altre.

 

Irene Savasta