Attualità Ragusa 18/01/2017 15:50 Notizia letta: 526 volte

L'incomprensibile disegno divino

Ardite interpretazioni
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/18-01-2017/incomprensibile-disegno-divino-420.jpg

Ragusa – Forse si pensa che la rete sia come il bar sotto casa: si fa a gara a chi le spara più grosse. Altri, pensano che probabilmente si possono scambiare quattro chiacchiere come sull’ autobus, tra una fermata e l’altra. Non ci si rende conto di come la rete e i social, siano globali e che ognuno, per carità, è libero di scrivere quel che vuole, ma se ne assume poi anche la responsabilità.

Non ce ne voglia Padre Giovanni Nobile, già parroco a Vittoria e Chiaramonte Gulfi, se oggi riportiamo un suo pensiero che ci ha particolarmente colpiti. Vero è che padre Nobile è una vecchia conoscenza dei giornalisti: l’anno scorso, riuscì a mettersi contro con due suoi post prima gli omosessuali e poi i circensi del Paranormal Circus.

Anche oggi, ha deciso di affidare a Facebook il suo pensiero: “Terremoto, neve, addirittura incendi che comunemente avvengono in estate, ora di nuovo terremoto, ma che sta succedendo? confusione anche nella chiesa , vescovi di Malta che emanano un documento dove risulta chiara l'apertura della chiesa ai risposati circa l'accesso alla comunione eucaristica, laici cattolici radicali decisamente che si mettono contro il Papa che sta portando la chiesa ,a loro parere, alla deriva, ma mi chiedo lo Spirito Santo a cui ancora voglio credere, allora si sarà sbagliato nel fare eleggere questo Papa?. Non voglio creare ulteriore confusione, ma semplicemente, parliamo di meno, lasciamo fare il "Papa" al Papa, preghiamo di più, il mondo ha più bisogno di testimoni che di maestri, è certo che ci troviamo in un periodo misterioso, difficile da interpretare e quindi da vivere, ma non voglio perdere la fede, anzi: Signore io credo ma tu aumenta la mia fede, aiutami nella mia incredulità, quello che chiedo per me, lo chiedo anche per voi 5205 amici di F B, e tanti con cui mi sono incontrato nella mia vita (50 anni) sacerdotale”.

In effetti, anche il post è un po’ confuso: il terremoto, la neve e gli incendi, sarebbero stati generati dalla confusione che regna in Chiesa? E questa presunta confusione, sarebbe stata generata da un documento dei vescovi di Malta che decreta in qualche modo l’apertura ai risposati al sacramento della Comunione? E poi chi sono questi “laici cattolici radicali” che addirittura metterebbero in dubbio l’azione dello Spirito Santo che ha portato all’elezione di Papa Francesco? Poi, il finale riconciliante: preghiamo, non possiamo fare altro. Parliamo di meno, ascoltiamo di più. Per carità, sagge parole.

Ma intanto la pietra per smuovere le acque, dargli una bella rimestata, far salire il fondo in superficie e creare un po’ di agitazione, è stata lanciata. E allora ci si sente autorizzati a commentare. E si devono anche saper accettare i commenti non in linea con il pensiero di chi scrive post su facebook.

Ma affidarsi, anche solo per un momento, al pensiero razionale no? Perché bisogna sempre ricondurre tutto a Dio, al suo più o meno voler mandare segnali confusi tramite eventi atmosferici? Non può semplicemente essere successo quello che accade tutti gli anni d’inverno? Cioè che fa freddo e può anche cadere la neve? Purtroppo, i terremoti non sono prevedibili: sono in atto alcuni movimenti terrestri ben spiegati dagli esperti del settore. Dispiacciono, certo. Ma perché bisogna pensare che sia un segnale divino? Perché Dio vorrebbe manifestarsi così? E sugli incendi? Non è più facile pensare che in giro ci siano tanti piromani fuori di testa?

Non ha più senso pensare che l’uomo soffra per mano dell’uomo, e non di Dio? Perché rivolgerci a lui come a un santo portiere? Ma poi per qualunque cosa accada? Ci rimane oscuro il passaggio sul Papa e sui risposati che possono prendere la comunione a Malta. Lì, obiettivamente, anche con un grosso sforzo non riusciamo a carpirne il senso. 
 

Irene Savasta
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1505383848-3-peugeot.jpg