Appuntamenti Ragusa 01/02/2017 21:55 Notizia letta: 86 volte

Permacultura per cambiare il paesaggio interno ed esterno

Sabato 4 febbraio, h 9.30, Centro Polifunzionale via Colajanni
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-02-2017/permacultura-cambiare-paesaggio-interno-esterno-420.jpg

Ragusa - Si terrà sabato 4 febbraio, a partire dalle ore 9.30 e fino alle 17.30, presso la sala convegni del Centro Polifunzionale di via Napoleone Colajanni a Ragusa, l’appuntamento finale del progetto “G.A.S. - Giovani Attivi e Solidali”, progetto di economia sociale e sostenibile finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale - nell'ambito dell’Avviso “Giovani per il Sociale” e sviluppato con il partenariato tra il Consorzio La Città Solidale (quale ente capofila), l'associazione Colibrì e la società cooperativa FormaMente.

Obiettivo di G.A.S., che si è articolato in ben 24 mesi di attività, è stato quello di sviluppare una diversa idea di “commercio” o “consumo”, lontana dai meccanismi dell’economia globale, ristabilendo il rapporto tra domanda e offerta secondo principi etici ben stabiliti come la coesione sociale e la promozione della legalità, in particolar modo tra i giovani.
Il percorso dei due anni ha portato alla nascita di quattro Gruppi di Acquisto Solidale nella provincia di Ragusa e si arriva a questo traguardo con la completa consapevolezza di aver contribuito alla diffusione di valori come la solidarietà, la comunità, la sostenibilità ambientale, il consumo critico e la legalità.

Sabato, durante il seminario/workshop “La Progettazione in Permacultura per cambiare il paesaggio interno e il paesaggio esterno”, sarà possibile ascoltare le testimonianze di chi ha partecipato al progetto e il contributo del dr. Marco Matera, specializzato in permacultura, cioè un metodo di coltivazione che punta all’utilizzo di inferiori risorse energetiche rispetto all’agricoltura tradizionale.

Marco Matera, da manager della City londinese ha cambiato la propria vita dedicandosi invece a un modo diverso di intendere il “consumo” e specializzandosi nella progettazione urbana cui applicare la permacultura, della quale è uno dei maggiori fautori.

Redazione