Cultura Ragusa 01/02/2017 10:58 Notizia letta: 190 volte

Last ship. Dieci minuti di commovente poesia. TRAILER

Girato ad Aci Trezza
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-02-2017/last-ship-dieci-minuti-commovente-poesia-trailer-420.jpg

Ragusa - Last ship è un cortometraggio che racconta, in poco più di 10 minuti, una storia che quasi non esiste più: la storia della famiglia Rodolico di Aci Trezza. Nella terra in cui fu girato “La terra trema” di Luchino Visconti, il regista Daniele Ragusa racconta una storia di grande valore umano e, paradossalmente, lo fa quasi senza dialoghi.

Last ship sono 10 minuti di commovente poesia. Il sonoro, quasi del tutto affidato all’audio ambientale, accompagna delicatamente le immagini di un mestiere fatto di gesti ripetuti, di manualità, di visi incartapecoriti dal sole troppo forte, di corpi asciutti e forti come i tronchi degli ulivi. E i gesti, accompagnati dal dolce rumore delle onde del mare o dalla canicola del sole di mezzogiorno, sono quegli stessi gesti che vengono ripetuti da secoli e che oggi, invece, rischiano di scomparire. Colpa della crisi? Delle amministrazioni locali? Non è questo il messaggio del cortometraggio.

Il regista, vuole raccontare l’epopea di un mondo perduto, di un mestiere che probabilmente andrà a scomparire. Sul finale, le uniche parole vengono pronunciate dal maestro d’ascia e racconta di un mondo affascinante e dinamico, ormai definitivamente scomparso. Perché quando si faceva il varo di una nave, fino a qualche decennio fa, il borgo era in festa. C’era un mondo a parte, ad Aci Trezza: quello dei maestri d’ascia. Interessante la scelta di far accompagnare il finale da immagini di famiglia, girate per uso domestico, a sottolineare la contrapposizione fra ieri ed oggi. Incantevole la fotografia. Il corto rispetta le unità di azioni, tempo e luogo: racconta questa storia, infatti, nell’arco di circa 24 ore. Da notare, anche le continue contrapposizioni fra il tempo statico delle giornate dei maestri d’ascia e le uscite notturne in barca: stranamente, infatti, sembrano essere quelli gli unici momenti in cui gli uomini riprendono a vivere.

Non le azioni quotidiane sulla terra ferma, dunque: è il mare a dare movimento e azione alle esistenze di queste persone. Appropriata, delicata e veramente azzeccata la colonna sonora: fatta di piccoli sprazzi e rintocchi durante le ore di lavoro, prende corpo veramente solo nel finale. La storia è stata scritta da Daniele Ragusa, Carlo Distefano e Davide Iacono. Il corto sta ricevendo un discreto successo grazie alla partecipazione ad alcuni festival internazionali, tra cui il Brooklyn Audience Award e il Big Sky.

Last Ship trailer from Daniele Ragusa Monsoriu on Vimeo.

Irene Savasta