Attualità Modica 06/02/2017 14:57 Notizia letta: 2561 volte

Nino Minardo su caso Antonacci: Che Aricò se ne vada

I dispetti e le ripicche
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-02-2017/nino-minardo-caso-antonacci-arico-vada-420.jpg

Modica - "La vicenda dei provvedimenti minacciati/assunti dalla direzione generale dell'ASP nei confronti del dottor Antonacci, chirurgo al Maggiore di Modica, provocherebbe solo ilarità se non fosse estremamente grave e sintomatica dello stato di malessere nella gestione della sanità iblea". A parlare è l'onorevole Nino Minardo. "Proprio stamattina ho voluto parlare con il professionista per avere ulteriori chiarimenti su quanto accaduto in quanto ritengo inconcepibile l’atto punitivo nei confronti di  un medico bravo, capace, professionalmente ineccepibile, per il solo fatto di avere osato criticare chi sovrintende all'Azienda Sanitaria Provinciale, non certamente per le sue ormai acclarate carenze gestionali ma perché disinteressato anche al fatto che manchino i più basilari strumenti di lavoro (le pinze, ad esempio, nella sale operatorie della Chirurgia del Maggiore).

Quello del dottor Antonacci, fatto otto giorni fa durante il consiglio comunale aperto dedicato al 'vergognoso' ridimensionamento del Maggiore, ordito a Palermo e, per fortuna, frenato a Roma dal ministro Beatrice Lorenzin era semplicemente il 'grido' disperato di chi vorrebbe lavorare, servire i pazienti, fare di tutto perché tutto funzioni al meglio ed invece sbatte contro il muro di gomma della sordità e del disinteresse di chi dirige la sanità iblea. In tutta questa vicenda ci sono tantissimi interrogativi che sovvengono spontaneamente: quale è il grave reato compiuto dal dott. Antonacci? Quello di aver esposto, in una pubblica seduta le criticità del reparto di chirurgia? 

Se è vero com’è vero che negli ultimi tre anni il reparto di chirurgia di Modica ha registrato il numero più alto di interventi chirurgici rispetto agli altri ospedali iblei, per quale motivo il manager, circa 4 mesi fa, stabilisce di ridimensionare le tipologie  di interventi chirurgici da effettuare a Modica, bloccando e obbligando a ridimensionare di fatto l’attività del dott. Antonacci? Tornando all’accaduto in consiglio comunale aperto esprimo la mia totale solidarietà ad Antonacci il quale aveva semplicemente chiesto di potere lavorare meglio... E invece, ecco che arriva la mannaia del signor Arico': provvedimenti disciplinari perché il dottor Antonacci ha 'osato' chiedere che un servizio alla collettività venga migliorato!!! Vergogna!

L'ennesimo insulto fatto dal manager al Maggiore di Modica, ad un medico, a quei professionisti che, nonostante le sue decisioni sbagliate, continuano a lavorare per i loro pazienti; al suo personale, alla struttura del Maggiore e, di conseguenza, ad un'intera collettività che si 'serve' di questo ospedale. Sono indignato da tutto ciò e ribadisco che è ora di dire basta di fronte a questi atteggiamenti che, adesso e con questa vicenda, sfiorano (se non debordano già..) nell'autoritarismo.

Se ne vada e liberi subito la nostra gente e la nostra terra di una gestione sanitaria che definire pessima appare ormai eufemistico. Non lesinerò una sola energia perché la sanità iblea possa tornare a vedere la luce dopo questo periodo buio e perché chi la dirige, dia stima, aiuto e collaborazione a chi ci lavora... Altro che provvedimenti disciplinari e punizioni!!!"

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1512997998-3-pirosa.gif