Cultura Immaginario collettivo 06/03/2017 21:01 Notizia letta: 865 volte

Chi ha rifondato la Sicilia? Benigni, Camilleri e le banane

"La devi pagare"
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/06-03-2017/rifondato-sicilia-benigni-camilleri-banane-500.jpg

Immaginario siciliano nel mondo. Chi, dopo Verga, Pirandello, Sciascia, ha cambiato, negli ultimi venticinque anni, l'idea che l'opinione pubblica mondiale ha della Sicilia? Johnny Stecchino, Andrea Camilleri, e la storia delle banane.

A sostenerlo, nero su bianco, è il giornalista e scrittore di Racalmuto Gaetano Savatteri. “Non c’è più la Sicilia di una volta” si intitola (Laterza, pagine 262, 16 euro) il suo libro: «Non ne posso più di Verga, di Pirandello, di Tomasi di Lampedusa, di Sciascia, di Guttuso. Non ne posso più di vinti; di uno, nessuno e centomila; di gattopardi; di uomini, mezz’uomini, ominicchi, pigliainculo e quaraquaquà».

L'anno della svolta è tra il 1991 e il 94. Benigni ridicolizza la mafia in Johnny Stecchino, Andrea Camilleri, ed è il 1994, sdogana la Sicilia con il primo romanzo del commissario Montalbano: “La forma dell’acqua”.  Ma Camilleri apre la strada a Rosario Fiorello, insieme prima e dopo Pippo Fava, Santo Piazzese, Giorgio Vasta, Giuseppe Rizzo, Viola Di Grado, Evelina Santangelo, Nadia Terranova, e ancora Aldo Baglio, Ficarra e Picone, Teresa Mannino. 

L'elenco continua con Emma Dante, Vincenzo Pirrotta, Spiro Scimone, per finire con Ciprì e Maresco. 

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1489060076-ecodep.gif