Cronaca Ragusa 08/03/2017 09:13 Notizia letta: 3732 volte

La droga è di un nostro amico. Arrestata coppia di fidanzati

Vivevano assieme
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/08-03-2017/droga-nostro-amico-arrestata-coppia-fidanzati-500.jpg
  • http://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/08-03-2017/1488961220-1-droga-nostro-amico-arrestata-coppia-fidanzati.jpg&size=412x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/08-03-2017/droga-nostro-amico-arrestata-coppia-fidanzati-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/08-03-2017/1488961220-1-droga-nostro-amico-arrestata-coppia-fidanzati.jpg

Ragusa - Sono stati arrestati Ben Abid Ahmed, tunisino, 24 anni e Guen Noura, nata a Ragusa, 20 anni, accusati del reato di detenzione di hashish ai fini di spaccio. La polizia ha anche sequestato ai due 700 euro probabile provento dell’attività di spaccio.

La polizia stava tenendo sotto controllo da diverse settimane il ragazzo fino a quando ieri è stata individuata con esattezza l’abitazione dopo un pedinamento. In Piazza San Giovanni, poi, hanno proceduto ad un controllo di lui e della compagna. I due vivono insieme e pertanto si è proceduto alla perquisizione domiciliare dove, in cucina, sono stati trovati oltre 30 grammi di hashish, 700 euro ed un bilancino di precisione custoditi all’interno di un borsello insieme a documenti appartenenti ad entrambi.

La coppia prima ha fortino differenti versioni e poi, ha optato per l'incredibile: “non è droga nostra, è di un nostro ospite qui per qualche giorno”.

Alla giovane donna, nata in Italia da genitori tunisini, non sono serviti i consigli dei poliziotti e ha riferito che avrebbe seguito il del destino del compagno confermando la versione assurda del fidanzato e non dissociandosi in alcun modo.

Considerato l’ingente quantitativo, il bilancino di precisione ed i precedenti specifici dell’uomo, i due sono stati arrestati in quanto detentori allo stesso titolo della droga, senza alcuna assunzione di responsabilità individuale da parte di lui o di lei.
Considerati i precedenti dell’uomo e la sua irregolarità sul territorio italiano, il Pubblico Ministero ha disposto la custodia cautelare in carcere, mentre la donna è stata sottoposta agli arresti domiciliari.

Irene Savasta