Attualità Vittoria 10/03/2017 13:37 Notizia letta: 331 volte

Moscato: Avevamo già licenziato Giuseppe Chiofalo

Giovanni Moscato contro le illegalità
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-03-2017/moscato-avevamo-licenziato-giuseppe-chiofalo-500.jpg

Vittoria - L'arresto dell'ingegnere Giuseppe Chiofalo, ex dirigente dell'ufficio urbanistica del comune di Vittoria, accusato di abuso di ufficio e concussione, ha lasciato un po' tutti di sorpresa.

Ma Giovanni Moscato, sindaco di Vittoria, precisa in una nota che la sua amministrazione, appena insediatasi, una volta resosi conto della condotta "allegra" dell'ormai ex dirigente, aveva provveduto al licenziamento, prima dell'odierno arresto.

"Chiaramente l'ex dirigente potrà dimostrare la sua innocenza nel corso di un eventuale procedimento" - spiega Moscato -  "Ma siamo intervenuti con tempestività a tutela dell'Ente e di tutti i cittadini per estirpare eventuali condotte irregolari. Lo scorso 20 luglio, a meno di un mese dal nostro insediamento, abbiamo rescisso il contratto dell'ingegnere sollevando oltre venti contestazioni che si ritrovano anche tra i reati contestati. In meno di un mese ci siamo resi conto della condotta del professionista, assunto dalla precedente amministrazione nel mese di aprile, e abbiamo ritenuto necessario concludere il rapporto lavorativo poiché non poteva esserci alcun legame fiduciario vista la condotta tenuta".

Poi, specifica che in caso di processo, il comune di Vittoria sarà parte civile nel procedimento. Un segnale forte, quello che l'attuale sindaco di Vittoria vuole lanciare a tutti: la sua città, non vuole avere niente a che fare con presunte illegalità.

Una scelta sicuramente importante, atta a togliere quell'immagine che, purtroppo, la città si porta dietro da troppo tempo e che non rende certamente giustizia ai tanti cittadini che ogni giorno operano onestamente nel tessuto sociale ipparino.

Anche questo ennesimo fatto, verificatosi proprio all'interno del palazzo comunale, non può certamente passare inosservato. La domanda sorge spontanea: quanta zona grigia esiste all'interno dei nostri uffici?

Irene Savasta