Attualità Vittoria 14/03/2017 10:55 Notizia letta: 232 volte

Fondi Ex Insicem per Riviera Lanterna a Scoglitti

2,4 milioni di euro
http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/14-03-2017/fondi-insicem-riviera-lanterna-scoglitti-500.jpg

Vittoria - I sottoscrittori dell’accordo di programma dei fondi ex Insicem (i 12 comuni iblei, Camera Commercio e Irsap) hanno proceduto ieri, sotto la presidenza del Commissario Straordinario del Libero Consorzio Comunale di Ragusa, Dario Cartabellotta a deliberare all’unanimità la proposta avanzata dal sindaco di Vittoria Giovanni Moscato di finanziare la realizzazione del lungomare Lanterna di Scoglitti di cui il Comune ha già un progetto definitivo avanzato corredato di tutti i pareri e di rinunciare alla realizzazione del terzo polo industriale, incluso nell’originaria pianificazione dell’accordo di programma, perché ritenuto non più strategico per lo sviluppo economico ma anche di difficile realizzazione stante l’impegno finanziario di 2,4 milioni di euro che avrebbe comportato il pagamento solo degli oneri espropriativi.

Il finanziamento per il nuovo progetto resta per ora di 2,4 milioni di euro ma con possibilità di essere incrementato grazie ai ribassi d’asta. Deliberata anche la proposta del comune di Chiaramonte Gulfi di essere ente attuatore del progetto esecutivo redatto dall’Irsap per la realizzazione del polo industriale, in considerazione che a tutt’oggi l’ex Asi non ha predisposto la gara d’appalto.

Il comune di Pozzallo, rappresentato dal sindaco Luigi Ammatuna, ha rinunciato al progetto di posizionamento di un pontile per le grandi imbarcazioni e yacht, dopo aver acquisito il parere negativo della Capitaneria di Porto. Circa il finanziamento di 300 mila euro per lo sviluppo del porto di Pozzallo presenterà entro 45 giorni un progetto di riammordenamento del lungomare.

L’assemblea dei sottoscrittori dell’accordo di programma hanno proceduto poi al rinnovo del collegio di controllo inserendo nell’organismo anche il sindaco di Vittoria, oltre a quelli di Ragusa, Modica, Giarratana, Comiso e Camera di Commercio di Ragusa.

Redazione